Sab 04 Aprile 2020 — 23:15

Banche: analisti Ubs alzano raccomandazioni su Ubi e Creval. Intesa Sanpaolo, Banco Bpm, Bper e Unicredit confermate neutral



Rivisti i target price e parte delle raccomandazioni su alcune banche italiane, in vista della prossima tornata di trimestrali e sulla base di uno scenario in graduale miglioramento

Unicredit analisti Ubs raccomandazioni banche

Gli analisti di Ubs hanno rivisto i target price e parte delle raccomandazioni su alcune banche italiane, in vista della prossima tornata di trimestrali e sulla base di uno scenario in graduale miglioramento. Sotto la lente della banca svizzera Ubi Banca, Creval, Banco Bpm, Intesa Sanpaolo e Unicredit.

In realtà gli analisti di Ubs restano cauti sul settore, ma ritengono che gli istituti italiani possano beneficiare di una combinazione di fattori fra cui il miglioramento del rischio sovrano (vista l’esposizione ai Btp e allo spread) e il supporto della Bce.

Quanto alle raccomandazioni degli analisti di Ubs, viene promossa Ubi Banca il cui rating passa da neutral a buy e il prezzo obiettivo da 2,60 a 3,10 euro.

Promozione anche per il Credito Valtellinese (Creval) con giudizio che passa da sell a neutral e target price da 0,051 a 0,058 euro.

Confermata la raccomandazione neutral su Intesa Sanpaolo (tp da 2,15 a 2,25 euro) e Unicredit (che si vede confermare anche il prezzo obiettivo a 12 euro).

Il neutral viene inoltre confermato da Ubs su Banco Bpm (target da 1,85 a 2 euro) e Bper (tp da 3,85 a 3,95 euro).

In Borsa il comparto bancario è oggetto oggi di realizzi, e vede in particolare forti prese di beneficio su Banco Bpm, in calo di oltre il 4% a metà seduta dopo gli acquisti dei giorni scorsi.

Borsa milano 03-04-2020 — 11:31

Borsa Milano giù, crollo per Intesa Sanpaolo e Ferrari

Riprendono gli acquisti sul petrolio con una riunione in programma lunedì tra Opec e Russia, che potrebbero trovare un accordo su un taglio della produzione dopo la guerra dei prezzi delle ultime settimane. Sul fronte macro, negli Usa sono andati persi a marzo ben 701.000 posti di lavoro

continua la lettura