Dom 27 Settembre 2020 — 19:00

Amco, semestrale luci e ombre



Ricavi in forte crescita ma utile impattato dalle rettifiche nette su crediti

amco semestrale marina natale

Semestrale luci e ombre per Amco, la ex Sga del Tesoro che si occupa di gestire crediti deteriorati e si candida al ruolo di “bad bank” per il sistema bancario italiano. Nel primo semestre 2020, segnato dall’emergenza Covid, il gruppo guidato da Marina Natale ha visto ricavi in crescita ma una flessione dell’utile netto.

Amco, semestrale luci e ombre

Più in dettaglio, Amco ha chiuso il periodo con ricavi per 54,2 milioni di euro, in crescita del 71% rispetto allo stesso periodo del 2019, con un ebitda balzato del 174% a 31,7 milioni, mentre l’utile netto è sceso del 14% a 7 milioni.

A spingere i ricavi e la redditività operativa, espressa dall’ebitda, ha contribuito, spiega una nota, la crescita degli asset in gestione, saliti a 23,2 miliardi al 30 giugno (33,8 miliardi includendo su base pro-forma le transazioni concluse, tra cui quella relativa a 8,1 miliardi di npl di Mps).

Rettifiche sui crediti

Sul calo dell’utile hanno invece impattato le rettifiche nette su crediti (17,4 milioni contro gli 850 mila euro del 2019) dovute a ritardi negli incassi causati dalla pandemia e da una esposizione su un singolo debitore. Ad agosto 2020 Amco ha ricevuto da 542 controparti la richiesta di sospensione o modifica dei pagamenti per un totale di 479 milioni di euro, accettandone il 92%.

Marina Natale

“Dall’inizio di quest’anno Amco è stata protagonista di una rapida crescita del business e ci attendiamo che questo percorso di crescita continui”, ha dichiarato l’ad Marina Natale secondo cui “la redditività operativa è elevata” e “la struttura di bilancio e gli indicatori patrimoniali sono molto solidi” mentre “le recenti emissioni obbligazionarie confermano la nostra capacità di finanziare il futuro business”.

“Procediamo nel percorso di sviluppo – ha concluso – innovando e rafforzando il team che oggi conta 264 risorse”.

banco bpm credit agricole 25-09-2020 — 11:43

Banco Bpm, spunta la pista Crédit Agricole

Il titolo prosegue la sua corsa nonostante le smentite dei francesi. L’istituto resta comunque il possibile obiettivo di una prossima operazione di fusione bancaria

continua la lettura