Mer 17 Luglio 2019 — 15:50

Allianz mette nel mirino DWS, l’asset manager di Deutsche Bank



La possibile fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank creerebbe un campione nazionale del credito e, indirettamente, anche un campione delle gestioni patrimoniali. E’ questo il fine ultimo del gruppo assicurativo nel caso di passi concreti con DWS

Allianz

Allianz ha messo nel mirino DWS Group, la società di gestione del risparmio del gruppo Deutsche Bank.

Il gruppo assicurativo tedesco, secondo indiscrezioni di stampa provenienti dalla Germania, avrebbe così intenzione di creare un “campione nazionale” tedesco dell’asset management con oltre 1.100 miliardi di masse in gestione.

Si tratta, comunque, solo di una fase puramente esplorativa e nessun passo formale si sarebbe finora concretizzato. Del resto tutto dipenderà dalle intenzioni di Deutsche Bank e dall’esito delle trattative con Commerzbank ufficializzate ieri dopo mesi e mesi di indiscrezioni e speculazioni.

La banca potrebbe infatti anche decidere di procedere con una serie di dismissioni per reperire le risorse necessarie per procedere con una fusione da tempo auspicata se non fortemente voluta dal mondo della politica tedesca.

Attualmente DWS è controllata per il 78% del capitale da Deutsche Bank mentre il resto è rappresentato da flottante di mercato dopo la quotazione sul listino di Francoforte avvenuta l’anno scorso. L’asset manager è stato infatti quotato sulla Borsa di Francoforte la scorsa primavera consentendo alla banca di incassare poco meno di 2 miliardi di euro. La capitalizzazione di DWS si attesta a circa 5,6 miliardi di euro e pertanto la partecipazione in mano a Deutsche Bank vale quasi 4,3 miliardi.

Per il momento, comunque, non è arrivato alcun tipo di conferma nè tantomeno una smentita soprattutto da Allianz, il cui titolo a Francoforte tratta, alle 11,05, in rialzo dello 0,22%, mentre DWS guadagna il 9,64%

carige news piano 17-07-2019 — 10:09

Carige, arriva nuovo piano: utile nel 2022, banca più leggera

Prevista una forte riduzione dei crediti deteriorati, al punto che l’Npe ratio lordo crollerebbe sotto il 5%

continua la lettura