Mar 22 Ottobre 2019 — 14:43

Oggi in Borsa: Unicredit, Generali, Mediaset, Safilo, Salini Impregilo



L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in rialzo

Borsa,italiana news su azioni

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi in rialzo, all’indomani di una seduta positiva ma soltanto poco mossa a Piazza Affari (+0,01% il Ftse Mib). La Borsa italiana ha ripreso fiato dopo i guadagni delle sedute precedenti.

Oggi a sostenere i mercati potrebbero essere le indiscrezioni di un imminente accordo Usa-Cina sul commercio, con il 90% dei negoziati che sarebbe stato completato.

Sul fronte macro, si segnala il Pmi italiano dei servizi di marzo (ore 9,45) atteso dal consensus a 50,9 punti da 50,4 di febbraio.

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso in rialzo +0,97% a 21.713 punti.

Sul forex, l’euro/dollaro recupera terreno sopra quota 1,12 contro il dollaro; il petrolio è positivo con il Brent a 69 dollari e il Wti a 62 dollari al barile.

Wall Street ha chiuso ieri sera contrastata: Dow Jones -0,30% a 26.179 punti, S&P 500 invariato a 2.867 punti,  Nasdaq +0,25% a quota 7.848.

Borsa italiana oggi: le azioni in primo piano

Sulla Borsa di Milano, occhi puntati su Unicredit dopo le indiscrezioni riferite da Bloomberg secondo cui la banca sarebbe vicina a un accordo con le autorità Usa per caso della violazione dell’embargo all’Iran. Unicredit potrebbe patteggiare una sanzione da 900 milioni di dollari: si tratterebbe di una delle ammende più alte per violazioni delle Usa in termini di sanzioni, superato solo da quelli raggiunti con SocGen, Commerzbank, Hsbc e Bnp Paribas.

Fitch ha assegnato a Ubi Banca un rating sui Depositi a Lungo Termine pari a BBB, un notch sopra al Long Term Issuer Default Rating del Gruppo (BBB-).

L’azione di Fitch si adegua alla cosiddetta full depositor preference della nuova normativa europea e ha riguardato 16 banche italiane fra cui Mps, che si è vista assegnare rating B (stable) in linea con il Long Term Idr (Issuer Default Rating).

Mediobanca come atteso ha presentato la lista di 13 candidati per il cda delle Assicurazioni Generali, all’insegna della continuità, con Gabriele Galateri di Genola e l’ad Philippe Donnet, mentre Ornella Barra sarà sostiuita nel board da Antonella Mei-Pochtler, attualmente basata a Vienna e Monaco di Baviera, special advisor del Cancelliere austriaco e senior advisor del Boston Consulting Group su Digital transformation e organizational design, anche per “rafforzare l’esperienza internazionale e le competenze del consiglio nei campi tecnologico e digitale”.

Il cda del gruppo dell’occhialeria Safilo ha deciso di procedere con un piano di cessione a terzi della catena Solstice dopo aver ricevuto manifestazioni di interesse per l’acquisto del business retail negli Stati Uniti. Una decisione presa anche in considerazione delle “valutazioni condotte dal management su una possibile cessione come potenziale alternativa all’attuale strategia di turnaround inclusa nel business plan di Gruppo”.

Da parte sua Mediaset sta “studiando” ed è “alle fasi preliminari” sul dossier delle possibili alleanze o aggregazioni con gruppi media europei. Lo ha detto ieri sera il presidente Fedele Confalonieri interpellato a margine di un evento. Quanto a una eventuale decisione in primavera “non dipende solo da noi”, ha precisato.

Salini Impregilo ha rilevato la partecipazione di maggioranza di Cossi Costruzioni da Condotte, oggi in Amministrazione Straordinaria. L’accordo prevede che Salini Impregilo arrivi a detenere il 63,5% dell’azienda, che tuttavia manterrà all’interno della sua compagine azionaria la famiglia Cossi e Banca Popolare di Sondrio, ognuna delle quali impegnata a detenere il 18,25% delle azioni. L’operazione prevede la ricapitalizzazione della società da parte delle banche tramite rinuncia alla maggior parte dei propri crediti, per un valore di 24 milioni, a cui si aggiunge un prestito di 12 milioni da parte del Gruppo Salini Impregilo.

Borsa italiana trimestrali 22-10-2019 — 02:29

Trimestrali entrano nel vivo su Borsa italiana con Saipem, Moncler, Stm, Eni, Mediobanca

Gli operatori si stanno posizionando anche alla luce di questi eventi e delle previsioni degli analisti sui conti del terzo trimestre 2019

continua la lettura