Lun 22 Aprile 2019 — 13:02

Oggi in Borsa: Telecom, Carige, Banco Bpm



Focus sui dati macro economici. In agenda anche un discorso di Draghi

Una raffica di dati macro economici e alcuni discorsi delle banche centrali saranno fra i temi oggi in primo piano sui mercati. Sembrano invece accantonate per il momento le preoccupazioni per le minacce della Corea del Nord. Sul mercato valutario l’euro resta sotto quota 1,18 contro dollaro.

Sul fronte macro la giornata si è aperta in Giappone con l’inflazione di settembre che ha segnato +0,7% annuo in linea con le attesementre la produzione industriale di agosto registra +2,1% mensile (era previsto +1,9%). In Germania le vendite al dettaglio hanno registrato -0,4% mensile contro attese a +0,5%. L’inflazione di settembre in Italia (ore 11) è prevista +1,3% da +1,2% annuo e nell’Eurozona (ore 11) a +1,6% (1,2% il dato core). Negli Usa spiccano i dati su spesa personale di agosto (ore 14,30 – consensus +0,2% mensile), reddito personale (ore 14,30 – atteso +0,2% mensile), inflazione PCE (ore 14,30 – previsto a 1,4% il dato core). Inoltre Pmi di Chicago di settembre (ore 15,45 – atteso a 58,5) e fiducia del Michigan (ore 16 – previsioni a 95,3).

Alle ore 16,15 discorso del presidente della Bce Mario Draghi. Per la Fed parla Harker (ore 17).

A Tokyo intanto il Nikkei ha chiuso poco mosso: -0,03% a 20.356 punti.

Sul mercato dei cambi l’euro/dollaro segna 1,1772 (-0,1%).

Il petrolio vede il Brent a 57,28 dollari (+0,12%) e il Wti a 51,49 dollari al barile (-0,14%).

Wall Street ha chiuso ieri sera positiva, con il Dow Jones in progresso dello 0,18% a 22.381 punti, S&P 500 +0,12% a 2.510 punti, Nasdaq invariato +0,00% a quota 6.453 punti. Chiusura record per l’indice Russell che schiera le small cap americane.

Sulla Borsa milanese riflettori puntati su Telecom all’indomani del Cda che ha eletto Amos Genish nuovo Ad, mentre il governo ha avviato le procedure per il golden power. L’apposito comitato “ha accertata la sussistenza degli obblighi di notifica, in capo a Vivendi, in merito alle operazioni di acquisizione di partecipazioni in Tim e la relativa violazione”, hanno fatto sapere fonti di Palazzo Chigi, aggiungendo che è stato “avviato il procedimento per l’eventuale irrogazione della sanzione pecuniaria prevista”. Tornando al Cda, al vice presidente Giuseppe Recchi sono state attribuite le deleghe agli asset strategici, fra cui Tim Sparkle e Telsy, essendo ciò previsto dalla legislazione italiana. Genish ha affermato che “il nostro obiettivo è trasformare Tim in una vera Digital Telco”.

Nel comparto bancario occhi puntati su Banco Bpm, particolarmente tonico nelle ultime sedute in coincidenza con le offerte per il nuovo accordo di bancassurance. E ieri sera l’istituto ha comunicato che, in relazione alla disdetta del vecchio accordo, Aviva ha esercitato l’opzione put sull’intera partecipazione dalla stessa detenuta in Avipop Assicurazioni (50% + 1 azione). L’accordo prevede un prezzo per l’acquisto del 50%+1 pari a 252,5 milioni, corrispondente a una valorizzazione per il 100% della società pari a 505 milioni. Inoltre, secondo quanto concordato tra le parti, ad Aviva è riconosciuto il diritto di percepire il 50% del dividendo a valere sull’utile ordinario 2017 di Avipop Assicurazioni, determinato, sulla base delle stime disponibili e dei risultati già raggiunti dalla compagnia al 30 giugno 2017, in 12,5 milion

Focus anche su Carige, all’indomani del via libera dell’assemblea all’aumento di capitale e nel giorno in cui dovrebbe partire l’operazione di conversione dei bond, tassello chiave per la riuscita del rafforzamento patrimoniale per 1 miliardo.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura