Mer 30 Settembre 2020 — 17:47

Borsa Milano centra rimbalzo. Bene Fca, Leonardo, Nexi



Piazza Affari chiude in rialzo. L’euro consolida, avanza il petrolio

borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana trova oggi la via per uscire dall’andamento laterale delle recenti sedute e centra un rimbalzo al traino della galassia Fca e di Leonardo, premiato da un broker. Sul fronte macro, si attende soprattutto l’esito del meeting Fed che si riunisce oggi e domani. Sulla Borsa di Milano il Ftse Mib segna in chiusura +0,82% a 19.956 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede in buon rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 148 punti da 150 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 1,00%.

Sul forex, l’euro consolida a 1,1850 contro il dollaro; il petrolio avanza con il Brent a 40 dollari e il Wti a 37 dollari al barile.

Borsa Milano, oggi in evidenza Fca, Exor e Leonardo

Sulla Borsa italiana, si mette in luce Fca +9% dopo l’accordo che i rivede i termini del maxi dividendo della fusione con Peugeot (+2% a Parigi).

Ne trae beneficio a sua volta la controllante Exor +5,9%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di SocGen hanno promosso Leonardo (+1,1%) da hold a buy con un prezzo obiettivo di 6,50 euro.

Gli analisti di Credit Suisse hanno limato il target price sulle azioni Stmicroelectronics (Stm) da 30 a 28,50 euro confermando il rating outperform. Il titolo segna +0,95%.

Fra le banche Unicredit -1,7%, in affanno anche Bper -1,2% che vede tempi più lunghi per la migrazione di sportelli Ubi da Intesa Sanpaolo, che segna -0,6%.

Tra gli altri finanziari Nexi +3% beneficia di nuove voci su una svolta nelle trattative per la fusione con Sia.

Fra i petroliferi, bene Eni +1,8% con Tenaris e Saipem in progresso di circa 1 punto percentuale.

Bper aumento di capitale 30-09-2020 — 09:59

Bper, aumento di capitale da oltre 800 milioni

Il prezzo di 90 centesimi incorpora uno sconto sul Terp del 31% circa. Schierato un ampio consorzio di garanzia

continua la lettura