Mar 07 Luglio 2020 — 13:38

Borsa: Milano debole con stacco dividendi, bene Interpump



Piazza Affari chiude in rosso scontando lo stacco cedole e timori sull’andamento globale del coronavirus

borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana termina debole, scontando principalmente lo stacco dei dividendi da parte numerose società nonché la generale cautela dei mercati alle prese con l’incognita coronavirus. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,71% a 19.478 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede poco sopra la parità.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 172 punti da 177 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 1,28%.

Sul forex, l’euro guadagna terreno portandosi a 1,1260 contro il dollaro; il petrolio avanza con il Brent a 42 dollari e il Wti a 40 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: debutto positivo per Interpump

Sulla Borsa di Milano oggi debutto positivo sul Ftse Mib per Interpump che segna un rialzo di oltre il 6%, bene anche Inwit +3%.

Tornano inoltre gli acquisti su Diasorin +2% in concomitanza con i timori su nuovi contagi negli Usa e altri Paesi del coronavirus.

Campari poco mossa dopo che a conclusione dell’offerta di azioni oggetto di recesso il gruppo procede verso il trasferimento della sede legale in Olanda.

Nell’auto Fca +1,4% beneficia del via libera informale al prestito Sace da 6,3 miliardi, mentre Pirelli incassa la validazione dei suo target di emissioni, salendo del +0,2%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Goldman Sachs hanno alzato il giudizio sulle azioni Tenaris da sell a buy e il target price da 5,40 a 7,60 euro, ipotizzando una ripresa dell’industria dello shale oil americano. Il titolo nel corso della seduta azzera i guadagni e termina a -1,7%.

Fra gli altri petroliferi Eni -0,8%, Saipem -2,1%.

Fra le banche, Intesa Sanpaolo -0,1%, Unicredit -0,2%, Ubi -1,8%, fra le altre.

eni rettifiche 07-07-2020 — 11:59

Eni, la Borsa snobba le maxi rettifiche Covid

Al momento il gruppo guidato da Claudio Descalzi per effetto del nuovo scenario prezzi stima rettifiche per circa 3,5 miliardi post-tasse

continua la lettura