Mer 30 Novembre 2022 — 00:32

Borsa Milano sbanda con Ferrari, in controtendenza Tim



Piazza Affari interrompe la serie positiva delle recenti sedute in una giornata segnata da nuovi timori relativi all’inflazione e alla potenziale risposta da parte delle banche centrali

Borsa italiana oggi

Piazza Affari interrompe oggi la serie positiva delle recenti sedute in una giornata segnata da nuovi timori relativi all’inflazione e alla potenziale risposta da parte delle banche centrali. I prezzi al consumo della zona euro sono cresciuti a maggio dell’8,1% sopra attese del consensus per +7,7%. Intanto il petrolio ha ripreso a salire dopo che i leader europei hanno raggiunto un accordo sull’embargo al greggio russo, un bando che dovrebbe colpire inizialmente il 75% delle importazioni di petrolio per arrivare al 90% a fine anno, secondo le dichiarazioni ufficiali. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -1,22% a 24.505 punti, in linea con il resto d’Europa (fa eccezione Londra, poco mossa), mentre Wall Street procede contrastata.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 201 da 194 punti base della seduta precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si amplia a 3,11%.

Sul forex, l’euro cala leggermente a 1,0730 contro il dollaro; il petrolio avanza con il Brent a 123 dollari al barile e il Wti a 117 dollari.

Borsa Milano oggi: in evidenza Telecom, giù Ferrari

Sulla Borsa italiana le prese di beneficio prendono di mira Ferrari (-4%) su cui peraltro gli analisti di Citi hanno tagliato il prezzo obiettivo da 160 a 140 euro, confermando il giudizio sell.

Fra le altre raccomandazioni di Borsa, Barclays ha limato il target price su Enel (-1,9%) da 9,60 a 9,20 euro, confermando il rating overweight: il broker alza le previsioni sul debito e riduce le stime sugli Eps 2023-2024 in media dell’1,5%.

In controtendenza Telecom Italia (+2,9%) sempre in scia alla firma del memorandum sulla rete unica, mentre Tim secondo Bloomberg si aspetterebbe una valutazione della netco intorno a 20 miliardi.

Sui petroliferi pesano i realizzi nonostante i nuovi rialzi del greggio: si salva solo Eni che termina sulla parità.

Giù anche le banche con Unicredit a -0,15%, Intesa Sanpaolo -1,4%, in controtendenza Bper (+1,7%) che il 3 giugno dovrebbe firmare il closing per l’acquisizione di Carige.

Borsa italiana oggi 29-11-2022 — 04:01

Borsa Milano oggi incerta, bene assicurativi, Erg positiva al debutto sul Ftse Mib

Azionario in cerca di una direzione dopo un avvio di settimana negativo e mentre si attendono soprattutto le prossime mosse delle banche centrali

continua la lettura