Lun 22 Aprile 2019 — 13:04

Borsa: Milano positiva. Unicredit guida i rialzi delle banche, in calo Generali



A Piazza Affari focus sulle trimestrali bancarie. In evidenza anche Juventus e Moncler fra gli altri titoli

Borsa italiana Milano ftse mib news Ftse Mib

La Borsa di Milano scambia sopra la parità a metà seduta, dopo avere accelerato a fine mattinata in scia al recupero delle banche. Il focus è sulle trimestrali, con due big come Unicredit e Banco Bpm che diffonderanno i risultati tra oggi e domani.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 13,03 +0,30% a 19.893 punti, in questo momento il migliore fra i principali listini europei.

Sul forex, l’euro cede terreno sotto 1,14 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 61 dollari e il Wti a 53 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 264 da 262 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,81% dal 2,79% (dati Bloomberg).

Borsa, a Milano le banche tornano protagoniste

Tornando agli indici di Borsa, a Milano banche in primo piano con Unicredit, che avanza del 3% sulle attese di conti positivi.

Positivo, dopo una prima parte della mattinata in rosso, anche il Banco Bpm, a +1% con gli analisti che si aspettano un quarto trimestre in perdita ma conti in utile nell’esercizio 2018.

Bene Intesa Sanpaolo +1,3% con i giudizi degli analisti sui conti diffusi ieri.

Mps +1,8% mentre secondo alcuni rumors i target al 2021 potrebbero essere rivisti.

Acquisti oggi anche su Juventus, che recupera circa il 2%, così Stm ieri penalizzata dall’outlook delle rivali europee.

Positiva Atlantia +0,5% dopo le indicazioni dell’ad Castellucci che ha messo fra gli obiettivi anche l’aeroporto di Parigi Charles De Gaulle.

Giù invece Generali -1% dopo che Ubs ha rimosso la raccomandazione buy sul titolo assicurativo.

Ancora focus sulle costruzioni, con Astaldi +6,8% che attende l’offerta ormai pronta di Salini Impregilo, che segna +0,6%.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura