Lun 30 Gennaio 2023 — 08:43

Borsa Milano positiva, Deutsche Bank accende Credem e castiga Fineco



L’azionario tenta di confermare un rally che si protrae da inizio anno, nonostante i duri avvertimenti delle banche centrali

Borsa italiana oggi

Borsa italiana oggi positiva in un tentativo di confermare un rally che si protrae da inizio anno, nonostante i duri avvertimenti delle banche centrali che ieri avevano temporaneamente affossato l’azionario. In particolare la Bce pare intenzionata a confermare la linea di aggressivi rialzi dei tassi, nell’ordine di 50 punti base ai prossimi meeting (il primo dei quali è in agenda il prossimo 2 febbraio); negli Stati Uniti invece la Fed dovrebbe rallentare il ritmo dei rialzi a 25 punti base il prossimo 1 febbraio, ma il mercato teme che la stretta avviata nei mesi scorsi si sia spinta troppo oltre, e possa innescare una recessione. Lo spread intanto riprende a salire. Sulla Borsa di Milano il Ftse Mib segna in chiusura +0,70% a 25.775 punti, in linea con il resto d’Europa e l’andamento di Wall Street; per l’indice principale di Piazza Affari la settimana va in archivio con un bilancio piatto (-0,03%) mentre il consuntivo da inizio anno è un +8,7%.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 180 da 170 punti base della seduta precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si amplia a 3,97%.

Sul forex, l’euro consolida a 1,08 contro il dollaro; il petrolio tratta in leggero rialzo con il Brent a 86 dollari al barile e il Wti a 80 dollari.

Borsa Milano, cade Amplifon

Sulla Borsa italiana, la maglia rosa del Ftse Mib va a Saipem, che festeggia (+8,5%) la duplice commessa da 900 milioni di dollari e la conferma del buon momento per il settore dei servizi petroliferi.

In fondo al listino principale i realizzi prendono di mira Amplifon (-2,7%) riflettendo i dubbi degli analisti sull’andamento del mercato degli apparecchi acustici, mentre il titolo si muove da tempo in un trading range limitato.

Fra le diverse raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jefferies hanno alzato il target price su Unicredit (+2,3%) da 19 a 21 euro, confermando il buy.

Inoltre Jefferies ha limato il prezzo obiettivo su Mediobanca (+1,5%) da 9,70 a 9,30 euro, confermando il rating hold; e ha alzato il target su Intesa Sanpaolo (-1,9%) da 2,25 a 2,40, con giudizio hold: sul titolo della Ca’ de Sass pesano però indiscrezioni rilanciate da Bloomberg secondo cui la banca potrebbe cedere asset per ridurre la propria esposizione al rischio, dopo un richiamo della Bce, rumors che al momento non sono stati confermati.

Deutsche Bank ha promosso Credito Emiliano (Credem) da hold a buy e ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 6,90 a 9,30 euro; il titolo si mette in luce con +4,6%.

Deutsche Bank ha invece tagliato Finecobank (+1,2% in recupero dai minimi sotto la parità) da buy a hold con un target price di 17,60 euro.

Rbc ha tagliato il target su Stellantis (+0,8%) da 21 a 18 euro confermando la raccomandazione sector perform.

Borsa italiana oggi 30-01-2023 — 08:19

Borsa italiana oggi: Stellantis, Eni, Unicredit

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi sotto la parità

continua la lettura