Mer 23 Gennaio 2019 — 19:23

Borsa, Milano poco mossa. Svetta Saipem, giù Mps



Prosegue anche il recupero di Stm. Vola Landi Renzo, ancora negativa Astaldi

Piazza Affari scambia poco mossa a fine mattinata e si avvia a chiudere la sua seconda settimana positiva di fila.

A Milano il Ftse Mib segna alle ore 12,38 +0,01% a 20.847 punti, in linea con il resto d’Europa.

Sul forex, l’euro/dollaro scambia in area 1,17 contro il biglietto verde.

Il petrolio è a sua volta poco mosso con il Brent a 78 dollari al barile e il Wti sopra 68 dollari.

Lo spread Btp/Bund si attesta a 253 punti base stabile rispetto a ieri, con il rendimento del decennale italiano al 2,96% da 2,95% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, Saipem rimbalza dopo lo scivolone di ieri con un +2,7% grazie anche a un report di Bernstein che alza il target price sul titolo confermando la raccomandazione Outperform.

Fra gli altri petroliferi, Eni -0,2% e Tenaris -0,1%.

Prosegue anche il recupero di Stm, in rialzo di oltre 1 punto percentuale.

Nell’auto Fca +0,2%, prese di beneficio su Ferrari -0,6%.

Si mettono in evidenza Pirelli +1,1% e Brembo +0,9% mentre fuori dal Ftse Mib Landi Renzo +8,5% festeggia la semestrale migliore delle attese.

Sempre fuori dal listino principale Astaldi -5,7% torna sotto pressioni sui timori di un disimpegno di Jp Morgan dall’aumento di capitale.

Mediaset +0,4% positiva sulle attese di un ritorno al dividendo .

Debole invece Telecom -0,2% dopo l’aggiudicazione di due lotti 5G nella gara per le nuove frequenze.

Banche in generale poco mosse, con l’eccezione di Mps che scivola di circa il 2%.

Unicredit e Fineco appena sotto la parità, così come Intesa Sanpaolo impegnata in un roadshow negli Usa per attirare investitori.

Invariata Carige con Bankitalia che entra nella partita dell’assemblea intimando alla lista Mincione di richiedere l’autorizzazione al patto siglato con Volpi e Spinelli per partecipare all’assise di giovedì prossimo.

Intesa Sanpaolo news 23-01-2019 — 09:34

Intesa Sanpaolo, torna in dubbio la conferma di Gros-Pietro?

Il ruolo del presidente torna in dubbio in vista dell’assemblea di aprile. Uniche certezze sono la conferma di Messina e l’apertura del Cda a esponenti esperti di mercati esteri e fintech

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione