Lun 20 Maggio 2019 — 03:34

Borsa: Milano poco mossa, svetta Carige



In evidenza le utilities, bene anche Eni e Saipem, Spread stabile

La Borsa di Milano scambia marginalmente negativa a metà seduta, in linea con il resto d’Europa in un clima d’attesa per il G20 del fine settimana in Argentina, dove andrà in scena l’incontro tra il presidente Usa Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping: sul tavolo una possibile intesa nella guerra commerciale che vede contrapposte le due potenze.

Un eventuale “armistizio”, secondo diversi analisti, potrebbe fornire lo spunto per un rimbalzo dopo le turbolenze che hanno interessato nelle ultime settimane gli indici azionari. Ma prevale la cautela.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 12,57 -0,10% a 19.139 punti.

L’euro è debole sotto quota 1,14 contro il dollaro; negativo il petrolio con il Brent a 59 dollari e il Wti sotto i 51 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna quota 290 da 288 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 3,21% dal 3,20% (dati Bloomberg), mentre si attende ancora una svolta nel rinnovato dialogo tra governo e Ue sui numeri della manovra.

Tornando agli indici di Borsa, si mette in luce una pattuglia di utilities fra cui Snam, Terna e Italgas tutte in rialzo di circa 1 punto percentuale.

Poco mossa nell’auto Pirelli dopo un report positivo di Hsbc, mentre Ferrari -1% consolida dopo il rally di ieri, giù anche Fca -1,2% e Brembo -2,5% in un settore europeo oggi negativo.

Fra i petroliferi cerca lo spunto Eni +0,5% sopra la parità con gli analisti che confermano il buy sul titolo, così come Saipem +0,7% mentre resta indietro Tenaris -1,8%.

Fra le banche svetta Carige +5% all’indomani del cda sul nuovo piano sulla conservazione del capitale e in attesa del via libera del Fondo interbancario alla sottoscrizione del bond, per cui si sarebbe fatto avanti però anche il fondo Attestor.

Realizzi su Banco Bpm -1,8% con la partita su 8 miliardi di Npl ai tempi supplementari, mentre Unicredit -0,7% ha ceduto due portafogli per oltre 1 miliardo complessivo nelle ultime ore. Fra le altre: Ubi +0,2%, Mps -1,2%, con Intesa Sanpaolo, Fineco e Bper appena sotto la parità.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura