Dom 27 Settembre 2020 — 19:13

Borsa Milano chiude piatta. Bene Diasorin, giù Fineco



Piazza Affari archivia una nuova seduta interlocutoria in linea con gli esiti della riunione Bce. Ma la settimana è positiva

borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana termina in perfetta
parità una nuova seduta interlocutoria, in linea con gli esiti ieri della riunione Bce. Il bilancio della settimana è comunque positivo. Sulla Borsa di Milano il Ftse Mib segna in chiusura +0,00% a 19.820 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede debole e contrastata. A questi livelli per l’indice principale milanese la settimana va in archivio con un progresso di circa il 2,2%.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 146 punti da 145 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,98%.

Sul forex, l’euro consolida a 1,1830 contro il dollaro; il petrolio è poco mosso con il Brent a 40 dollari e il Wti a 37 dollari al barile.

Borsa Milano, oggi bene Diasorin, debole FinecoBank

Sulla Borsa di Milano, si mette nuovamente in luce Diasorin +2,65% in linea con le prospettive per il settore alle prese con la lotta al Covid-19 e in vista di ulteriori acquisti di test sierologici da parte del governo.

Nell’healthcare svetta comunque di un soffio Amplifon con un 2,68%.

Fra i tecnologici Stm prova a sua volta a proseguire il rimbalzo con un +0,75%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, Hsbc ha tagliato il giudizio su Fineco (-1,25%) da buy a hold.

Sempre nel risparmio gestito, Hsbc ha alzato il prezzo obiettivo su Azimut (+0,8%) da 23,10 a 24,50 euro, confermando il buy; e su Banca Generali (poco mossa) da 30 a 30,50 euro confermando anche in questo caso la raccomandazione buy.

Nel lusso gli analisti di Citigroup hanno rivisto il target sulle azioni Tod’s (+0,2%) da 26 a 23,50 euro, confermando il rating neutral.

Si mette in evidenza ma poi frena Cattolica -0,4% dopo semestrale e guidance.

Fra le banche Unicredit -2%, Intesa Sanpaolo -1,2% nell’ultimo giorno di Opa residuale su Ubi Banca, con le adesioni finora oltre l’8,8%.

Le utilities tentano un rimbalzo con Enel che segna +0,7%, brilla Snam +1,9%.

In fondo al listino principale i realizzi tornano a prendere di mira Saipem -2,5%, con gli altri petrolieri Eni a -0,3%, Tenaris -1,2%.

banco bpm credit agricole 25-09-2020 — 11:43

Banco Bpm, spunta la pista Crédit Agricole

Il titolo prosegue la sua corsa nonostante le smentite dei francesi. L’istituto resta comunque il possibile obiettivo di una prossima operazione di fusione bancaria

continua la lettura