Dom 27 Settembre 2020 — 19:47

Borsa Milano oggi positiva. Ok Diasorin, deboli Fca e Ferrari



Piazza Affari centra un rimbalzo all’indomani di una giornata di vendite e alla vigilia della riunione Bce. Non sembra pesare l’annuncio di AstraZeneca di una pausa nello sviluppo del vaccino anti-Covid dopo l’insorgenza di complicazioni durante la sperimentazione

borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana centra un rimbalzo all’indomani di una giornata di vendite e alla vigilia della riunione Bce. Non sembra pesare l’annuncio di AstraZeneca di una pausa nello sviluppo del vaccino anti-Covid dopo l’insorgenza di complicazioni in un volontario durante la sperimentazione. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +2,02% a 19.771 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street a sua volta rimbalza.

Quanto al meeting Bce di domani, secondo Filippo Diodovich, senior strategist di Ig Italia, la recente decisione della Fed “di cambiare il target del 2% con un nuovo sistema definito average inflation targeting ha messo pressioni sul Consiglio Direttivo” di Francoforte. “Lagarde potrebbe intervenire prima del previsto. Riteniamo infatti che un Istituto poco aggressivo possa spingere il tasso di cambio tra euro e dollaro ben sopra il limite di 1,20”.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 148 punti da 153 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 1,02%.

Sul forex, l’euro torna sopra 1,18 contro il dollaro; il petrolio recupera terreno con il Brent a 40 dollari e il Wti a 37 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: bene Inwit, Diaosrin, utilities

Sulla Borsa di Milano, si mette in luce Inwit oggetto di ricoperture nel comparto del torri con un rialzo di quasi il 6%.

Svetta però Stm sulla scia del rimbalzo dei tecnologici Usa: il titolo chiude a +7%.

Bene inoltre l’healthcare con Diasorin +5,5%, Recordati +2,8%, mentre AstraZeneca (+0,5%) limita i danni a Londra nonostante il momentaneo stop al vaccino sviluppato con l’Università di Oxford.

Le utilities approfittano dei rumors su piani del governo per il rilancio del settore attingendo al Recovery fund, con Enel in progresso di oltre il 2%, brilla Snam +3,5%.

Fra le banche, in rimonta nel corso della seduta, Unicredit +3,2% e Intesa Sanpaolo +1,6%, Banco Bpm +0,8%, fra le altre. Sul comparto non pesa l’allarme sull’impatto del Covid lanciato in Commissione banche da Alberto Nagel, ceo di Mediobanca che segna +1,9%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, Bernstein ha avviato la copertura su Fiat Chrysler (Fca) con giudizio underperform e target price di 8 euro; e su Ferrari con rating sempre underperform. Entrambe terminano poco mosse intorno alla parità, e in recupero dai minimi di giornata.

Gli analisti di Goldman Sachs hanno tagliato il prezzo obiettivo sulle azioni Tod’s (-3,7%) dopo i conti da 22,80 a 21,30 euro, confermando il rating sell; Ubs ha invece incrementato il target da 18,80 a 19,80 euro, reiterando il sell.

Realizzi inoltre su Leonardo -1,5%, mentre Mediaset segna +2% nonostante il semestre chiuso con una perdita di 18,9 milioni e in vista di una decisione di Agcom sulla quota di Vivendi (che intanto oggi ha chiesto il parere dell’Avvocatura di Stato).

banco bpm credit agricole 25-09-2020 — 11:43

Banco Bpm, spunta la pista Crédit Agricole

Il titolo prosegue la sua corsa nonostante le smentite dei francesi. L’istituto resta comunque il possibile obiettivo di una prossima operazione di fusione bancaria

continua la lettura