Lun 08 Agosto 2022 — 02:53

Borsa Milano oggi piegata da crisi Ucraina, Citi promuove Snam



I timori legati alla potenziale escalation militare a Kiev, ma anche alle prossime mosse delle banche centrali, affossano Piazza Affari. Lo spread non si ferma

borsa italiana oggi

I timori legati alla potenziale escalation militare in Ucraina, ma anche alle prossime mosse delle banche centrali, affossano Piazza Affari in avvio di settimana. Lo spread non si ferma. Sul fronte geopolitico gli Stati Uniti hanno alzato i toni con la Russia, accusata di pianificare a breve un’invasione dell’Ucraina. Da parte sua Mosca continua a chiedere un dietrofront rispetto i piani che prevedono l’adesione del Paese alla Nato. I ministri delle finanze del G7 avrebbero trovato un accordo per infliggere dure sanzioni alla Russia in caso di invasione. Fra gli appuntamenti macro, la presidente Bce Christine Lagarde intervenendo all’Europarlamento ha confermato che i rischi di inflazione sono sbilanciati al rialzo. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -2,04% a 26.415 punti, comunque al di sopra dei minimi di giornata e in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede mista intorno alla parità.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 169 da 165 punti base della seduta precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 1,97%.

Sul forex, l’euro s’indebolisce a 1,1310 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 94 dollari e il Wti a 93 dollari al barile.

Borsa Milano oggi nel mirino delle vendite tra Ucraina e tassi

Sulla Borsa italiana solo le azioni Snam (+0,8%) sono fra le poche che si sottraggono all’ondata di realizzi, dopo che gli analisti di Citi hanno alzato la raccomandazione sul titolo da sell a neutral, e grazie alla corsa dei prezzi del gas.

Citigroup ha inoltre promosso Terna (-0,3%) da neutral a buy; e Italgas (-0,8%) da sell a neutral.

Svetta però Inwit +1,7%.

Banco Bpm (-0,65%) resta in attesa dell’offerta da parte di Unicredit (-4,2%), che non si è materializzata nel fine settimana. Intanto Jp Morgan ha alzato il target price su Banco Bpm da 3,20 a 3,80 euro, confermando il rating neutral.

Sempre nel comparto Intesa Sanpaolo (-3%) intanto ha effettuato un investimento nella fintech britannica Thought Machine per la sua banca digitale.

Bper (-3,8%) riunisce il cda per approvare l’acquisizione di Carige (brillante a +2,3%).

Fra i peggiori oggi anche Stellantis -2,5%, Cnh in calo di circa il 4%.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura