Mer 30 Settembre 2020 — 18:53

Borsa Milano oggi in rosso: pesano banche, bene Diasorin



Piazza Affari torna a cedere terreno terreno, assieme agli altri listini internazionali, sulla scia delle indicazioni pessimiste della Fed, che non esclude un impatto ancora pesante dell’emergenza coronavirus sull’economia

borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana torna a cedere terreno, assieme agli altri listini internazionali, sulla scia delle indicazioni pessimiste della Fed, che non esclude un impatto ancora pesante dell’emergenza coronavirus sull’economia, come riportato nelle minute del Fomc di luglio. Pochi gli altri spunti, in un contesto che risente anche del “ponte” di Ferragosto. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -1,44% a 19.766 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street, sostenuta dai tecnologici, resiste sopra la parità dopo la frenata di ieri.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 141 punti da 138 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,91%.

Sul forex, l’euro consolida a quota 1,1860 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 44 dollari e il Wti a 42 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: giù banche, bene Diasorin

Sulla Borsa di Milano, i timori per l’economia si riflettono sulle banche con Banco Bpm a -2,2%, Unicredit -1,8%, la stessa Mediobanca -2,2%, e ancora Intesa Sanpaolo -1,5%, Mps -1%.

Occhi puntati su Telecom -1,5%, dopo le indicazioni del ceo Gubitosi che non arretra sul controllo della potenziale rete unica con Open Fiber.

Nell’healthcare prosegue il recupero di Diasorin +0,4%, positive inoltre le azioni Recordati +0,6%.

Petroliferi in rosso con Eni -2,3%, Saipem -1,1% dopo un tentativo di rimbalzo nella mattinata, Tenaris -2,2%.

In fondo al listino principale Cnh -2,6%, Atlantia -3,4%.

Deboli le utilities con Enel che lascia sul terreno oltre 1 punto percentuale.

Bper aumento di capitale 30-09-2020 — 09:59

Bper, aumento di capitale da oltre 800 milioni

Il prezzo di 90 centesimi incorpora uno sconto sul Terp del 31% circa. Schierato un ampio consorzio di garanzia

continua la lettura