Dom 26 Settembre 2021 — 02:41

Borsa Milano oggi in rosso con Enel e Stellantis



Seduta nervosa sui listini internazionali, in attesa di conferme sul ritmo della ripresa economica e mentre spuntano in alcuni Paesi del mondo misure di lockdown per contenere la cosiddetta variante delta del Covid

Borsa italiana oggi

Piazza Affari oggi torna a cedere terreno in una seduta nervosa sui listini internazionali, in attesa di conferme sul ritmo della ripresa economica e mentre spuntano in alcuni Paesi del mondo misure di lockdown per contenere la cosiddetta variante delta del Covid. Sul fronte macro, si attendono indicazioni dal report sull’occupazione Usa di giugno in agenda venerdì. Intanto la stima Adp sul settore privato ha evidenziato la creazione di 692mila posti di lavoro, sopra attese. L’inflazione dell’Eurozona (+1,9% a giugno) è uscita in linea con le previsioni. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -1,01% a 25.102 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede contrastata.

Per l’indice principale di Piazza Affari il mese di giugno va in archivio con un bilancio marginalmente negativo (-0,27%), mentre il consuntivo da inizio anno è un +13% circa.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 103 da 106 punti base della chiusura precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 0,82%.

Sul forex, l’euro s’indebolisce sotto quota 1,19 contro il dollaro; il petrolio avanza con il Brent a 75 dollari e il Wti a 73 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: svetta Unipol, in calo Enel e Stellantis

Sulla Borsa italiana si mette in luce Unipol dopo l’operazione con cui le Coop hanno acquistato l’1% del gruppo a un prezzo di 4,60 euro, rafforzando la loro presenza nella compagine societaria. Il titolo segna +6,4% avvicinandosi al prezzo del collocamento accelerato.

I realizzi prendono di mira invece le azioni Enel -2,5%.

In rosso nell’auto le azioni Stellantis -1,6%, ma avanza l’azionista Exor +1,3%.

Banche per lo più deboli con Intesa Sanpaolo in calo di oltre 1 punto percentuale, così come Unicredit nel giorno del lancio di un bond subordinato At1 da 750 milioni.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno promosso Generali (+0,6%) da neutral a overweight, alzando il prezzo obiettivo da 18 a 21 euro.

Citigroup ha ritoccato il target price su Eni (-0,6%) da 9,80 a 10 euro confermando il giudizio neutral.

Morgan Stanley ha rivisto il prezzo obiettivo su Salvatore Ferragamo (-1 4%) da 16,40 a 17 euro, confermando il rating equal-weight.

Da segnalare il caso di Safilo che cede un -13,9% dopo l’annuncio di un aumento di capitale da 135 milioni.

Trevi ha smentito le indiscrezioni di stampa su una possibile decisione nel cda odierno in merito a una manovra di rafforzamento da 130-150 milioni. Il titolo ha ceduto però un -2,2%. La società ha precisato che proseguono le interlocuzioni con le banche, ipotizzando un accordo non prima di settembre.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura