Mer 28 Settembre 2022 — 01:41

Borsa Milano oggi in profondo rosso, paura recessione: giù banche, Enel, industriali e petroliferi



Gli indici Pmi europei di settembre hanno mostrato stamattina una contrazione più marcata del previsto, secondo Barclays “i segnali di recessione sono chiari come la luce del giorno”

Borsa milano oggi

La Borsa di Milano oggi finisce nel mirino di nuove vendite. A pesare sono i timori che i continui rialzi dei tassi da parte delle banche centrali finiscano per affossare l’economia. Tali preoccupazioni vengono avvalorate dai dati relativi agli indici Pmi europei di settembre, che hanno mostrato stamattina una contrazione più marcata del previsto. Secondo Barclays “i segnali di recessione sono chiari come la luce del giorno”; per il broker in particolare il ritmo della caduta e il livello raggiunto dai dati dell’Eurozona sono in linea con quelli di passate recessioni. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -3,36% a 21.066 punti, peggiore d’Europa, mentre anche Wall Street procede nuovamente in deciso calo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 232 da 220 della seduta precedente, scontando anche incerezza in vista delle elezioni di domenica prossima, mentre il rendimento del titolo italiano si amplia a 4,34%; quello del decennale tedesco supera il 2%.

Sul forex, l’euro cede altro terreno a 0,9720 contro il dollaro; il petrolio è in forte calo con il Brent a 86 dollari al barile e il Wti a 79 dollari.

Borsa Milano oggi

Sulla Borsa italiana le vendite non risparmiano le banche, finora sostenute almeno dall’aspettativa di tassi più alti, mentre oggi prevalgono i timori di recessione: giù le azioni Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Bper e Unicredit tutte in calo di circa il 4%; solo Mps si muove in controtendenza (+3%) dopo le indiscrezioni sul possibile ingresso di nuovi investitori, soprattutto Anima e Axa con cui sarebbero stati avviati colloqui.

In deciso calo i petroliferi con Tenaris a -8%, Eni -4,7% anche se Jefferies in un report sul comparto europeo ha alzato il target price sul titolo da 18 a 20 euro, confermando la raccomandazione buy.

Realizzi poi sugli industriali con Iveco -5%, Stellantis e Prysmian a circa -4%, mentre in cima al listino principale Amplifon allunga sopra la parità, in chiave difensiva.

Telecom (-4,4%) azzera i guadagni della mattinata anche se cresce l’attesa per un’offerta della Cdp sulla rete.

Anche le utilities pagano pegno con Enel in calo di circa il 4%.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura