Mer 23 Settembre 2020 — 02:02

Borsa Milano fallisce il rimbalzo, in evidenza Ubi



La settimana si chiude in rosso sui rinnovati timori per l’incertezza sull’impatto del coronavirus, negativo anche il bilancio di luglio

Borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana fallisce il rimbalzo, frenando bruscamente dopo i rialzi di buona parte della seduta e infilando così l’ottava seduta negativa di fila. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,71% a 19.091 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede contrastata e viene in parte trainata dai titoli tecnologici. L’indice milanese a questi livelli archivia la settimana in calo di circa il 5%, scontando i rinnovati timori sull’impatto del coronavirus; il bilancio di luglio è un -1,5%.

Sul fronte macro, il Pil italiano nel secondo trimestre 2020 è crollato del 12,4% (atteso -15%) sul trimestre precedente e del 17,3% su anno, il Pil dell’Eurozona è crollato del 12,1% (atteso -11,2%).

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 154 punti da 151 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 1,01%.

Sul forex, l’euro consolida sotto quota 1,18 contro il dollaro; il petrolio è poco mosso con il Brent a 43 dollari e il Wti a 40 dollari al barile.

Borsa Milano oggi , Ubi prende il volo

Sulla Borsa di Milano, bene le azioni Ubi Banca +4,4%, in vista dell’opa residuale e delisting da parte di Intesa Sanpaolo -1,6%, che ha chiuso ieri la sua offerta con oltre il 90% di adesioni.

Fra le altre banche Unicredit -1,25%, Mps +0,1% all’indomani della decisione di non fermare la prescrizione nei confronti degli ex vertici Viola e Profumo.

In rialzo le azioni Stmicroelectronics (Stm) +0,6% in scia alla brillante trimestrale Apple.

Nell’healthcare acuto di Amplifon +4,3%.

Sul fronte delle trimestrali: Poste +1,8%, Leonardo -5,1% in una seduta volatile, Inwit -2,4%.

C’era attesa soprattutto per i conti del secondo trimestre di Fca, usciti migliori delle attese, ma il titolo cambia direzione e termina a -2%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno riavviato la copertura sulla stessa Intesa Sanpaolo con rating overweight e target price di 2,30 euro.

Goldman Sachs ha tagliato Saipem (-2,1%) da buy a neutral con prezzo obiettivo di 2,30 euro.

Barclays ha rivisto il target su Eni (-3,5%) da 9,30 a 9,70 euro confermando il giudizio underweight.

Credit Suisse ha alzato il target price su Recordati (-0,9%) da 38 a 40 euro confermando l’underperform.

Ubi Banca ha promosso Nexi (+2,4%) da hold a buy.

Berenberg ha limato il target su Generali (-1,2%) da 18,50 a 18,30 euro confermando la raccomandazione buy.

mps unicredit 22-09-2020 — 10:50

Mps bussa a Unicredit, ma per ora porta chiusa

Il titolo della banca milanese è comunque debole a Piazza Affari dopo una bocciatura da parte di Credit Suisse

continua la lettura