Dom 19 Settembre 2021 — 06:33

Borsa Milano oggi chiude positiva: bene Diasorin, rimbalza Enel



Cresce l’attesa per la Fed. Bene lo spread

borsa italiana oggi

Piazza Affari chiude oggi positiva anche se prevale ancora la cautela all’indomani delle indicazioni accomodanti provenienti dalla Bce, mentre per contro l’inflazione Usa ha sorpreso con un balzo del 5% a maggio. Cresce a questo punto l’attesa per la reazione della Fed, che si riunirà la prossima settimana, ma il sentiment regge. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +0,31% a 25.717 punti, in linea con il resto d’Europa mentre Wall Street procede contrastata.

Per l’indice principale della Borsa italiana la settimana va in archivio a questi livelli con un bilancio positivo (+0,57%).

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 101 da 105 punti base della chiusura precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 0,74%.

Sul forex, l’euro s’indebolisce a 1,21 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 72 dollari e il Wti a 70 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: bene Diasorin, recupero per Enel

Sulla Borsa italiana da registrare qualche presa di beneficio sulle banche, con Unicredit sotto la parità dopo indiscrezioni su un rinvio del piano industriale.

In calo inoltre Intesa Sanpaolo -0,6%, mentre il Banco Bpm (poco mosso) avrebbe messo in cantiere la cessione della bad bank Release e sarebbe interessato all’ipotesi spezzatino di Mps, che invece termina sopra la parità.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Berenberg hanno rivisto il rating su Diasorin (+2,9%) da hold a buy, alzando il target price da 150 a 170 euro.

Inoltre Berenberg ha alzato il prezzo obiettivo su Franchi Umberto Marmi (+0,5%) da 12,50 a 13 euro confermando il buy.

In rialzo le azioni Enel (+0,8%) che recuperano la soglia degli 8 euro.

Ancora ben intonata Stmicroelectronics (Stm) (+1%), nell’auto tornano gli acquisti su Stellantis +0,9% sopra 17 euro.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura