Mer 08 Dicembre 2021 — 14:32

Borsa Milano oggi cauta: bene Campari, in rosso le banche



Seduta in gran parte interlocutoria, su cui ha pesato anche l’assenza di Wall Street, oggi ferma per la festività del Ringraziamento

Borsa italiana oggi

La Borsa italiana oggi termina poco mossa una seduta per lo più interlocutoria, su cui ha pesato anche l’assenza di Wall Street, oggi ferma per la festività del Ringraziamento. Nessuna novità rilevante dai verbali Bce, mentre ieri sera le minute della Fed hanno evidenziato che un certo numero di consiglieri vorrebbe accelerare la riduzione (tapering) degli acquisti di titoli o alzare i tassi d’interesse se dovessero proseguire gli aumenti dell’inflazione. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,04% a 27.098 punti, con il resto d’Europa in leggero rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 131 da 130 punti base della  chiusura precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 1,06%.

Sul forex, l’euro tenta un recupero sopra 1,12 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 82 dollari e il Wti a 78 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: bene Enel e Campari

Sulla Borsa italiana gli acquisti premiano Campari (+2,5%) in scia ai conti migliori delle attese della rivale Remy Cointreau (+11% a Parigi), che hanno evidenziato nel semestre un utile operativo più che raddoppiato, spingendo il gruppo ad alzare le previsioni sull’esercizio 2021/2022.

Inoltre brilla Enel (+1,5%) mentre gli analisti confermano le raccomandazioni positive dopo la presentazione del nuovo piano strategico.

In rosso le banche fra cui Intesa Sanpaolo -0,6%, Banco Bpm, Bper, Unicredit tutte in calo di oltre 1 punto percentuale, quest’ultima al lavoro sul nuovo piano industriale.

Prese di beneficio su Telecom (-2,65%) all’indomani di un +15% e alla vigilia di un cda straordinario che potrebbe decidere sul futuro dell’ad Gubitosi.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura