Dom 26 Settembre 2021 — 03:08

Borsa Milano oggi chiude in rosso, bene Stellantis e Diasorin



Piazza Affari termina debole, assieme al resto del Vecchio Continente, e non riesce ad approfittare del rimbalzo di Wall Street

Borsa italiana oggi

La Borsa italiana termina debole, assieme al resto del Vecchio Continente, e non riesce ad approfittare del rimbalzo di Wall Street. Il focus resta sulla situazione del Covid-19, tra vaccinazioni, lockdown, e nuovi contagi, ma anche sulla politica Usa nell’ultimo giorno della presidenza Trump e alla vigilia dell’insediamento di Biden. Al Congresso parla Janet Yellen, l’ex numero uno della Fed destinata al posto di segretario del Tesoro. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,25% a 22.441 punti, in linea con il resto d’Europa mentre Wall Street procede in buon rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 112 da 116 punti base della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,59%. La crisi di governo italiana non si riverbera quindi in queste ore sui titoli di Stato, mentre oggi è previsto il voto di fiducia al Senato.

Sul forex, l’euro risale sopra 1,21 contro il dollaro; il petrolio rimbalza con il Brent a 56 dollari e il Wti a 53 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: ancora in luce Stellantis

Sulla Borsa di Milano nuovi acquisti sulle azioni Stellantis dopo che gli analisti di Ubs hanno avviato la copertura con raccomandazione buy e target price di 21 euro. Il ceo Tavares ha detto oggi che il gruppo punta a ottenere l’80% delle sinergie previste entro quattro anni, mentre entro il 2021 saranno 39 i modelli elettrificati. Il titolo segna +2,6%, seppure in frenata dai massimi di giornata, all’indomani del debutto a +7,5%.

Si rivede Diasorin +3%, con il gruppo della diagnostica che beneficia della prolungata emergenza coronavirus.

In evidenza anche Atlantia +0,6%, ben intonate le azioni Leonardo che terminano sopra la parità.

Fra le altre raccomandazioni dei broker, Jp Morgan ha promosso Banco Bpm (-0,5) da underweight a neutral e alzato il prezzo obiettivo da 1,20 a 1,90 euro.

Inoltre Jp Morgan ha alzato il target price sulle azioni Unicredit (+0,15%) da 8 a 9 euro, confermando il rating neutral. La banca intanto avrebbe accelerato nella scelta del nuovo ceo.

Berenberg ha rivisto il target su Fineco Bank (-2,5%, nel mirino oggi di forti realizzi) da 14,50 a 15,50 euro confermando il giudizio buy.

Credit Suisse ha ritoccato il prezzo obiettivo su Eni (-0,3%) da 10 a 10,50, confermando l’underperform.

Fra le utilities in rialzo Enel poco mossa all’indomani dello stacco della cedola.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura