Mer 28 Settembre 2022 — 01:40

Borsa Milano incerta: bene Leonardo e petroliferi, triplo upgrade per Interpump



Seduta cauta dopo il rimbalzo della scorsa settimana. Focus su scenario macro e geopolitico

Borsa italiana oggi

La Borsa italiana oggi termina poco mossa una seduta altalenante, dopo il rimbalzo della scorsa settimana (+2,4%). Il focus principale dei mercati finanziari resta sulle prossime mosse delle banche centrali e sull’impatto che potrebbe avere la stretta sull’economia globale. Oggi intanto i principali indicatori della Cina di aprile sono usciti peggiori delle attese scontando anche le conseguenze delle restrizioni Covid. Fra gli altri temi, si guarda alle tensioni geopolitiche legate all’Ucraina, in particolare in Europa dove la Finlandia ha annunciato domenica che farà domanda di adesione alla Nato, mettendo fine alla sua politica di neutralità. La Russia valuta ritorsioni. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,06% a 24.033 punti,  con il resto d’Europa in ordine sparso, mentre Wall Street procede poco sotto la parità.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 191 da 190 punti base della seduta precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 2,83%.

Sul forex, l’euro consolida a 1,0410 contro il dollaro; il petrolio guadagna terreno con il Brent a 112 dollari e il Wti a 111 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: svetta Saipem, bene Interpump

Sulla Borsa italiana bene Interpump (+5%) dopo che gli analisti di Equita hanno promosso il titolo a buy con un prezzo obiettivo di 47 euro; ma anche banca Akros ha alzato il rating portandolo da accumulate a buy con target confermato a 57 euro; e Kepler Cheuvreux, che passa da hold a buy e alza il tp da 53 a 54 euro.

Acquisti sui petroliferi con Saipem +8,1%, Tenaris +4,3%, Eni +1,3%.

Leonardo (+1,9%) torna ad approfittare delle tensioni geopolitiche.

Fra gli assicurativi Unipol fallisce il rimbalzo (-0,6%) dopo lo scivolone seguito alla trimestrale e al piano aggiornato.

Banche deboli dopo il recupero dei giorni scorsi con Unicredit a -0,3%, Intesa Sanpaolo -0,9%.

Bper -0,9% dopo la proroga delle trattative con Nexi (-4,6%) per la cessione del business di merchant acquiring.

Tornando alle raccomandazioni dei broker, hsbc ha tagliato il target price su Azimut (+1,3%) da 31 a 27 euro, confermando però il rating buy.

Poco mossi gli altri titoli del risparmio gestito dopo lo stesso report di Hsbc che ha rivisto il prezzo obiettivo su Poste Italiane da 14,70 a 13,50 euro; su Anima da 6,10 a 5,70 euro; su Fineco da 17,40 a 15,80 euro; su Banca Mediolanum da 10,60 a 9,50 euro; tutti i giudizi restano buy, fuorché per Banca Generali che è confermata hold con target ridotto da 40 a 35,50 euro.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura