Gio 26 Novembre 2020 — 17:30

Borsa Milano chiude debole, in controtendenza Nexi



Piazza Affari inaugura il nuovo semestre all’insegna dei realizzi, appesantita in parte dalle inceretzze riguardanti il decorso e l’impatto del coronavirus

Borsa ftse mib

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana inaugura il nuovo semestre all’insegna della volatilità, terminando in territorio negativo una seduta caratterizzata da nervosismo e alcuni cambi di direzione. I mercati finanziari continuano infatti a fare i conti le inceretzze riguardanti il decorso e l’impatto del coronavirus. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,23% a 19.330 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede contrastata.

Per l’indice principale di Piazza Affari, ricordiamo, il mese di giugno si è chiuso ieri con un +6,5%, il trimestre a +13,6%, per un bilancio da inizio del -17,5%.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 167 punti da 171 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 1,27%.

Sul forex, l’euro è in leggero rialzo a 1,1260 contro il dollaro; il petrolio recupera terreno con il Brent a 42 dollari e il Wti a 39 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: Atlantia, auto e banche nel mirino delle vendite

Sulla Borsa di Milano, nonostante la debolezza generale torna a mettersi in luce Nexi +4,35% all’indomani del closing degli accordi con Intesa e sulle continue aspettative di un’aggregazione con Sia.

Vendite su Atlantia che perde 1 punto percentuale in attesa di novità sul dossier Autostrade, mentre la holding ha ricevuto tre offerte dai fondi per Telepass.

Giù Banco Bpm -2,3% dopo i rumors sulla possibile fusione con Mps, che segna -2,6%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jefferies hanno promosso Intesa Sanpaolo da hold a buy alzando il prezzo obiettivo da 1,50 a 2 euro. Il titolo finisce comunque nel mirino dei realizzi con un -0,8%.

Jefferies ha invece tagliato il rating su Unicredit (-0,9%) da buy a hold con un target price di 9 euro.

Mainfirst ha alzato il target su Fiat Chrysler (Fca) da 7 a 8,20 euro confermando il giudizio hold, ma le azioni cedono il -1,7%.

Sempre nell’auto, debole Pirelli -2,5%.

Fra i petroliferi Eni -0,2% nonostamnte l’annuncio di una nuova scoperta di gas nel Mar Mediterraneo in Egitto, Saipem +0,3%, Tenaris -1,2%.

Creval petrus 26-11-2020 — 03:14

Creval, il socio Petrus boccia l’opa del Crédit Agricole e chiede 14 euro

Per il fondo azionista del Credito Valtellinese, che scrive una lettera ai vertici, l’offerta dei francesi “ignora il fair value” della banca

continua la lettura