Mar 21 Maggio 2019 — 07:46

Borsa: Milano in rosso con Tim, Banco Bpm e Unicredit



Piazza Affari negativa assieme al resto d’Europa ma particolarmente appesantita dalle banche

Borsa italiana milano news

La Borsa di Milano scambia in territorio negativo a metà seduta, in linea con il resto d’Europa e particolarmente appesantita da nuovi realizzi sulle banche.

Sul fronte macro, sorpresa positiva dall’indice tedesco Zew che misura la fiducia degli investitori, con una lettura di -15 a gennaio da -17,5 e contro attese per un peggioramento a 18,4.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 13,00 un -0,95% a 19.452 punti.

Sul forex, l’euro è poco mosso in area 1,1360 contro il dollaro; il petrolio perde terreno con il Brent a 61 dollari e il Wti a 52 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund è stabile sui 250 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,74% da 2,75% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib fra i pochi titoli positivi spicca oggi Diasorin +0,9%.

In evidenza anche una pattuglia di utilities e difensivi fra cui Snam +0,7%, Terna +0,4%, Atlantia +0,8%.

Le vendite colpiscono soprattutto le banche che risentono anche con il comparto europeo dei conti deludenti di Ubs. Vendite più pesanti su Banco Bpm -2,7% immediatamente seguita da Unicredit -2,6%.

Cedono circa il 2% Bper e Banca Mps, quest’ultima rifiutata per l’ennesima volta da Ubi (che cede a sua volta il 2%) escludendo una possibile fusione. In rosso anche le azioni Intesa Sanpaolo -1,4%.

In fondo al listino principale si trova però anche oggi Telecom, in calo di oltre il 5% mentre gli analisti di Hsbc hanno tagliato nettamente il target price .

Debole Leonardo -0,5% dopo la conferma che il closing su Vitociset è congelato in attesa che si risolva una disputa tra eredi della società romana.

Positiva invece Fincantieri +0,2% dopo una nuova commessa negli Usa al consorzio di cui fa parte assieme a Lockeed Martin.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura