Mar 02 Marzo 2021 — 20:34

Borsa Milano in rosso con l’Europa, regge Diasorin



Piazza Affari continua a perdere terreno, assieme al resto d’Europa, sui timori legati al coronavirus: a pesare sono le incertezze sulle forniture dei vaccini, mentre ulteriori chiusure potrebbero mettere a rischio la già fragile ripresa economica. Tanto più che l’indice Ifo tedesco di gennaio è uscito oggi peggiore delle attese

Borsa milano

La Borsa di Milano continua a perdere terreno, assieme al resto d’Europa, sui timori legati al coronavirus: a pesare sono le incertezze sulle forniture dei vaccini, mentre ulteriori chiusure potrebbero mettere a rischio la già fragile ripresa economica. Tanto più che l’indice Ifo tedesco di gennaio è uscito oggi peggiore delle attese. Sulla Borsa italiana oggi il Ftse Mib segna in chiusura -1,60% a 21.735 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street procede a sua volta negativa.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 123 da 127 punti base della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,68%. Si attendono le prossime mosse del premier Conte che punterebbe a guidare un nuovo esecutivo ampliando la maggioranza.

Sul forex, l’euro consolida a 1,2130 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 55 dollari e il Wti a 52 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: paura del virus, regge Diasorin

Sulla Borsa di Milano il listino principale si presenta anche oggi come venerdì scorso quasi tutto in rosso, mentre fa eccezione Diasorin (+2,7%) che torna in primo piano con l’emergenza Covid.

Spunti sulle utilities con Terna e Italgas in rialzo di oltre 1 punto percentuale.

Acquisti più cauti su Stmicroelectronics, che guadagna terreno (+0,15%) assieme al comparto tecnologico, mentre giovedì saranno resi noti i conti.

Frenano le azioni Telecom (Tim) che azzerano i guadagni e lasciano sul terreno mezzo punto percentuale.

Forti prese di beneficio su Stellantis (-4,6%), che oggi ha convocato l’assemblea straordinaria per la distribuzione ai soci della quota ex Peugeot di Faurecia.

Nuove vendite sulle azioni Leonardo -2,9%.

In fondo al listino principale Cnh che cede quasi il 5%.

Sotto pressione anche le banche con Banco Bpm -2,6% Unicredit (-4,2%) che ha diffuso le stime degli analisti sul quarto trimestre 2020, Bper -3%, Intesa Sanpaolo -3,2%. Giornata nera per il settore anche a livello di Eurozona, con l’Eurostoxx Banks giù del 3,75%.

I petroliferi vedono Eni a -2,2%, Saipem -1,7%, Tenaris -1,8%.

Andrea Orcel unicredit 02-03-2021 — 11:46

Unicredit accelera su lista del cda, tra conferme e new entry

Tutto pronto per il cda chiamato a varare i nomi in vista dell’assemblea del 15 aprile

continua la lettura