Mer 17 Luglio 2019 — 15:49

Borsa: Milano in forte recupero. Bene Stm, Banco Bpm, Mps



Seduta europea euforica in linea con gli altri indici internazionali dopo l’accordo Usa-Cina, bene anche lo spread

La Borsa di Milano scambia oggi in deciso rialzo a fine mattinata, in linea con gli altri indici internazionali dopo l’accordo Usa-Cina per una tregua di 90 giorni sul fronte della guerra commerciale.

Migliora anche lo spread, sulle crescenti aspettative di una prossima intesa con l’Ue sui numeri della manovra italiana.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 12,11 +1,96% a 19.564 punti.

L’euro recupera terreno in area 1,1330 contro il dollaro; in rimonta il petrolio con il Brent a circa 62 dollari e il Wti a 53 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna quota 284 da 290 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 3,16% da 3,21% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, gli acquisti prendono di mira i tecnologici dopo l’intesa Usa-Cina e vedono Stm in rialzo del 7% in linea con il comparto europeo.

In evidenza l’auto con Fca +2,5% che beneficia anche del rialzo del rating a investment grade da parte di Fitch e attende vendite Usa positive.

Nella galassia Agnelli svetta però Cnh +5,3%, Exor +2,5%, Ferrari +0,7%.

In spolvero le banche con Banco Bpm +4,8% dopo i nuovi dettagli della duplice operazione su credito al consumo e cessione di Npl.

Rialzi compresi tra il 2 e il 3% per Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bper, Ubi, fra le altre, mentre Mps mette a segno un recupero di circa il 7,8%, sulla parità Carige dopo il via libera al bond subordinato, mentre si apre un braccio di ferro con il fondo Chenavari sulla piattaforma del credito al consumo Creditis.

Sempre tra i finanziari bene Banca Generali +3,1% dopo la presentazione del piano industriale.

Rimbalzano i petroliferi con Saipem +5,7%, Eni +2,2%, Tenaris +3,6%.

carige news piano 17-07-2019 — 10:09

Carige, arriva nuovo piano: utile nel 2022, banca più leggera

Prevista una forte riduzione dei crediti deteriorati, al punto che l’Npe ratio lordo crollerebbe sotto il 5%

continua la lettura