Mer 24 Aprile 2019 — 12:59

Borsa Milano chiude debole. Svetta Juventus, bene Unicredit e Mps



Piazza Affari termina oggi leggermente negativa, assieme al resto d’Europa e sulla scia di una seduta volatile a Wall Street

Borsa, italiana news su azioni

La Borsa di Milano chiude oggi leggermente negativa, assieme al resto d’Europa e sulla scia di una seduta volatile a Wall Street.

I rinnovati timori legati al “disgelo” Usa-Cina sul commercio contribuiscono all’incertezza sui listini azionari, che sembrano tirare il freno dopo la partenza bruciante di inizio anno.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,19% a 19.400 punti.

Sul forex, l’euro guadagna terreno in area 1,1380 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 61 dollari e il Wti a 52 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund si attesta a 253 da 250 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,75% da 2,73% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib svetta anche oggi la “solita” Juventus +2,4%.

Frenano in parte i petroliferi, sulla scia del greggio, con la sola Tenaris in rialzo dello 0,9% mentre Saipem chiude invariata con la promozione a buy di Citi che compensa i timori per l’inchiesta che vede indagato l’ad Cao. Negativa Eni che termina a -1,1%.

Fra le banche, aspettando la riunione Bce di domani, in luce Unicredit +1,65%, mentre il consensus degli analisti prevede un quarto trimestre leggermente positivo.

Giù invece le azioni Bper -1,47%, positiva Ubi +0,8% resta buy per gli analisti di Kepler, che però hanno ridotto il target price. Bene anche Banco Bpm +0,7%, Intesa Sanpaolo +0,6%.

Banca Mps segna +1,2% nel giorno del collocamento di un covered bond a 5 anni, il primo dal 2015.

Solo un mini rimbalzo per Telecom +0,5% appena sotto i 45 centesimi dopo le vendite dei giorni scorsi.

Stm segna un +0,2% alla vigilia dei conti.

Vendite sull’auto con Fca -1,3%, in ribasso anche Ferrari a -1,6%.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura