Mer 21 Agosto 2019 — 18:50

Borsa: Milano flette con l’Europa. Bene Juventus, banche giù con Mps



A Piazza Affari pesano soprattutto le banche, nel lusso Moncler sconta i timori sulla Cina

Borsa italiana oggi ftse mib news

La Borsa di Milano scambia in territorio negativo a fine mattinata, in linea con l’Europa dopo i dati cinesi sul commercio estero inferiori alle aspettative. Inoltre pesano i realizzi dopo gli acquisti della scorsa settimana (+2,4%) e la continua debolezza delle banche, che prendono spunto oggi dai richiami Bce a Mps.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 11,57 -1,27% a 19.044 punti.

Sul forex, l’euro cede terreno in area 1,1450 contro il dollaro; il petrolio frena a sua volta con il Brent a 59 dollari e il Wti a 50 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 268 da 261 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,88% da 2,85% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in evidenza anche oggi Juventus in rialzo di oltre l’1% e in questo momento unico titolo positivo.

Prova a contenere i danni Tim -0,5% nel giorno del cda che deve decidere sulla richiesta di vivendi di convocare l’assemblea in tempi brevi e con il giudizio positivo di Mediobanca.

Lusso a due velocità con Ferragamo che limita le perdite a -0,2%, così come Cucinelli, mentre Moncler -3,3% teme la frenata della Cina.

In fondo al listino le banche con Mps in calo di oltre l’8% dopo il taglio della raccomandazione da parte degli analisti di Akros.

Giù anche Ubi, Banco Bpm e Creval con ribassi intorno al 3%, mentre Unicredit, che avrebbe accantonato l’ipotesi di nozze con carige, e Intesa Sanpaolo perdono oltre il 2%.

Fra i petroliferi, Eni non approfitta della raffica di accordi siglati in Medio Oriente e cede oltre 1 punto percentuale, così come Saipem e Tenaris.

Borsa italiana oggi Milano news 21-08-2019 — 01:29

Borsa italiana: la crisi di governo non ferma il rimbalzo. In luce Pirelli, Fca

Bene anche le banche mentre migliora lo spread. Positivi i petroliferi

continua la lettura