Lun 18 Febbraio 2019 — 02:01

Borsa: Milano debole. Resta in luce Ferrari, banche soffrono con lo spread



Pesano ancora i timori legati alla recessione. Sul listino principale svetta Diasorin, nuove prese di beneficio sulla Juventus

Borsa news Finanza Report

La Borsa di Milano scambia sotto la parità a metà seduta, proseguendo la debolezza di ieri sui timori legati alla recessione, in particolare dopo che l’indice Pmi manifatturiero di gennaio ha rilevato una contrazione dell’attività più marcata del previsto. Stesso discorso per la Germania.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna alle ore 13,03 -0,74% a 19.583 punti, in una giornata contrastata in Europa che vede anche Francoforte a sua volta in ribasso. Nell’obbligazionario si allarga invece lo spread.

Sul forex, l’euro guadagna terreno in area 1,1470 contro il dollaro; il petrolio è poco mosso con il Brent a circa 61 dollari e il Wti a 53 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 258 da 244 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,73% da 2,59% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, le azioni Ferrari continuano il rally di ieri grazie ai report positivi degli analisti che alzano il target price. Il titolo avanza dell’1,6% dopo il +11% di ieri.

Bene anche Fca +0,55% in attesa dei dati sulle vendite Usa.

Sul Ftse Mib svetta comunque Diasorin +2,2%, mentre gli acquisti premiano il lusso con Moncler e Ferragamo in progresso di circa 1 punto percentuale, così come Leonardo e Cnh Industrial.

Telecom -0,5% non approfitta dei rumors su futuri nuovi acquisti da parte del fondo Elliott.

Vendite sulle banche in scia all’allargamento dello spread, oltre che dopo i risultati sotto attese per Deutsche Bank (-3,5% a Francoforte).

I nuovi realizzi prendono di mira soprattutto Banco Bpm -3,2%, mentre Bper contiene i danni a -0,9% in vista del prossimo cda che dovrebbe esaminare l’aggregazione con Unipol Banca.

Unicredit -1,7% mentre l’ad Mustier esclude maxi operazioni di fusione nel medio termine, giù anche Intesa Sanpaolo -1,8%, Mps -1,7% fra le altre.

In fondo al Ftse Mib nuove prese di beneficio sulla Juventus che perde oltre il 5%.

Fca news 15-02-2019 — 11:19

Fca bocciata da Banca Imi, il 2019 è molto impegnativo

La banca d’affari taglia raccomandazione e target price a causa delle guidance sotto le attese annunciate dai vertici aziendali in occasione della pubblicazione dei conti

continua la lettura