Dom 26 Settembre 2021 — 02:37

Borsa Milano debole con Tim, banche e petroliferi



Una nuova seduta interlocutoria che sembra confermare la fase di consolidamento in corso sull’azionario globale

borsa italiana oggi

La Borsa italiana chiude oggi in rosso , al termine di una nuova seduta interlocutoria che sembra confermare la fase di consolidamento in corso sull’azionario. I realizzi tornano a prendere di mira le banche in linea con l’andamento altalenante delle recenti sedute, mentre i petroliferi scontano violente prese di beneficio. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,84% a 25.227 punti, in linea con il resto d’Europa e l’andamento di Wall Street.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 101 punti base, sui livelli della chiusura precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 0,74%.

Sul forex, l’euro cede terreno a 1,1800 contro il dollaro; il petrolio tenta un nuovo allungo ma poi cade con il Brent a 74 dollari e il Wti a 73 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: bene Recordati e Saipem, giù Tim

Sulla Borsa italiana, fra gli spunti di giornata, Telecom (Tim) non beneficia delle nuove nomine nell’ambito di una riorganizzazione della prima linea manageriale “in vista dell’avvio di importanti progetti di sviluppo”. Il titolo cede un -3,1%.

Prese di beneficio inoltre sulle banche con le azioni Bper, Unicredit e Intesa Sanpaolo tutte in calo di oltre il 2%, mentrre cede oltre il 3% Banco Bpm.

Fra i petroliferi, all’indomani dello stallo al vertice Opec+ che ha rinviato per ora l’aumento della produzione a partire da agosto, l’iniziale euforia lascia spazio alle prese di beneficio nel corso della seduta : Saipem -2,2%, Tenaris -4,7%, Eni -1,7% dopo che gli analisti di Jp Morgan in un report sul comparto europeo ha alzato il target price sul titolo da 11 a 12 euro, confermando però il rating underweight.

Enel +0,4% mentre lo slittamento del closing per la cessione della quota in Open Fiber si tradurrà in un leggero sovrapprezzo per l’operazione.

Acquisti su Recordati +3% in cima al Ftse Mib.

Frena invece Stellantis che annulla i guadagni e cede oltre 1 punto percentuale; il gruppo intanto ha annunciato un investimento di 100 milioni di sterline per il centro di produzione di Vauxhall a Ellesmere Port (Regno Unito), per trasformare il sito in un impianto di produzione di veicoli elettrici.

azioni Carige 24-09-2021 — 10:04

Carige, la Bce torna in pressing ma Genova ora punta su fusione a tre

Francoforte avrebbe chiesto al Fitd un piano alternativo alla ricerca di un partner

continua la lettura