Mer 20 Novembre 2019 — 06:17

Borsa Milano consolida. Bene Poste, Azimut, Stm, ancora giù Leonardo



Seduta di consolidamento dopo la scia positiva delle ultime settimane. Bene lo spread

Borsa italiana oggi ftse mib Milano news

Piazza Affari scambia debole a fine mattinata, in una seduta di consolidamento dopo la scia positiva delle ultime settimane. Sulla Borsa di Milano il Ftse Mib segna alle ore 11,36 un -0,01% a 22.474 punti,con il resto d’Europa in ordine sparso mentre i future di Wall Street preannunciano un’apertura in marginale rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 130 punti dai 133 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del titolo italiano allo 0,93%.

Sul forex, l’euro è stabile sopra quota 1,11 contro il dollaro; il petrolio tenta un recupero con il Brent a 59 dollari e il Wti a 53 dollari al barile.

Borsa: Milano consolida, ancora acquisti su Azimut

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib nuovi massimi storici per Poste Italiane +1,3% dopo la promozione di Goldman Sachs a buy.

Nuovi acquisti sulle azioni Azimut +1,4% che approfitta di ricoperture sul risparmio gestito.

Banche in ordine sparso con Unicredit -0,9% mentre l’istituto ha messo in cantiere una cartolarizzazione di Npl da 6 miliardi; sotto la parità anche Banco Bpm, mentre Intesa Sanpaolo guadagna lo 0,6%, Mps -1,6%.

Mediobanca poco mossa mentre gli analisti di Morgan Stanley hanno tagliato la raccomandazione sul titolo da overweight a equal-weight.

Telecom (Tim) -0,3% dopo la nomina all’unanimità di Salvatore Rossi come nuovo presidente mentre Barclays conferma il giudizio underweight aumentando il prezzo obiettivo da 48 a 52 centesimi.

Bene Stm +0,95 in scia ai conti della rivale Ams; Credit Suisse conferma l’outperform e alza il prezzo obiettivo da 19 a 21,50 euro.

Vendite su Buzzi -2% e nuovamente Leonardo -1,6% poco sopra i 10 euro.

Petroliferi misti: Saipem -0,75%, Eni +0,6%, Tenaris +0,3%.

ubi massiah 19-11-2019 — 11:08

Massiah (Ubi): non tutte le fusioni sono di successo

La banca al centro del dossier M&A assieme a Banco Bpm, Bper e Mps, ma l’ad preferisce restare cauto. Il nuovo piano nel primo trimestre

continua la lettura