Mer 24 Aprile 2019 — 13:01

Borsa: Milano chiude positiva con Moncler, bene anche Ferrari



Piazza Affari termina oggi rialzo per la seconda seduta consecutiva, sulla scia del resto d’Europa e in attesa della riunione della Fed

Borsa Milano news

La Borsa di Milano termina oggi in rialzo per la seconda seduta consecutiva, con il resto d’Europa in ordine sparso e Wall Street tonica in attesa della riunione della Fed che si conclude questa sera.

Il mercato guarda inoltre a possibili progressi nei nuovi colloqui Usa-Cina sul commercio che si aprono in queste ore a Washington.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,35% a 19.772 punti.

Sul forex, l’euro è poco mosso in area 1,1420 contro il dollaro; il petrolio recupera terreno con il Brent a 62 dollari e il Wti a 54 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 241 da 246 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,59% da 2,66% (dati Bloomberg). Oggi il Tesoro ha collocato Btp a 5 e 10 anni spuntando tassi in calo.

Tornando agli indici di Borsa, in evidenza il lusso sulla scia dei conti del colosso Lvmh (+6,9% a Parigi) con Moncler in rialzo di circa il 6% nel finale, Ferragamo +1,5% nonostante i risultati sotto attese.

In luce oggi Ferrari +1,8% alla vigilia dei conti, con Fca a +1,3%, la controllante Exor a +1,7%.

Nuova ondata di realizzi invece su Juventus, in fondo al listino principale a -4%.

Positiva ma in frenata dai massimi Stm +0,4% con il gruppo dei semiconduttori incoraggiato dalla trimestrale di Apple.

Leonardo a sua volta +0,4% nel giorno di nuove ricostruzioni di stampa su una possibile fusione con Fincantieri, che guadagna invece il 2%.

Banche miste con Unicredit -0,7%, Mps -0,6%, Banco Bpm -0,3%, positive le azioni Intesa Sanpaolo +0,6%, Bper +0,9%.

Continua il rally di Astaldi +9,3% con un cda per il probabile esame delle offerte fissato il prossimo 5 febbraio, mentre Salini Impregilo segna +2,2%.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura