Gio 21 Novembre 2019 — 02:56

Borsa: per Milano chiusura in rosso (Ftse Mib -0,53%). Bene Juventus e Leonardo, ancora giù Stm



Piazza Affari termina oggi sotto la parità, frenata in parte dalle banche. Telecom in rialzo alla vigilia dell’assemblea

Borsa italiana milano ftse mib

La Borsa di Milano chiude oggi sotto la parità, frenata in parte dalle banche, mentre il resto d’Europa termina in ordine sparso. Indici poco mossi a Wall Street. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,53% a 21.080 punti.

Sul forex, l’euro cede terreno in area 1,1220 contro il dollaro; il petrolio è in calo con il Brent a 67 dollari e il Wti a 58 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 256 punti da 253 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,48% da 2,44% (dati Bloomberg), e il tasso del Bund sempre in territorio negativo. Il Tesoro ha ceduto oggi in asta Btp a 5 e 10 ricevendo segnali contrastanti sui tassi.

Borsa: a Milano brilla Juventus, giù Stm, Unicredit e Banco Bpm

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib torna brillare Juventus +1,8%.

Sul podio anche Leonardo +1,5% grazie a un report positivo di Ubs che ha alzato il prezzo obiettivo.

Nuovi acquisti su Telecom alla vigilia dell’assemblea: le azioni guadagnano l’1% e si portano sopra i 54 centesimi.

Anche oggi maglia nera del listino principale è Stm -3,5%, che cede circa il 10% in due sedute dopo il profit warning lanciato ieri dalla rivale tedesca Infineon.

Le banche soffrono prese di beneficio dopo i rialzi di ieri innescati dalle parole di Draghi ma poi chiudono contrastate. Vendite su Banco Bpm -2,3%, Unicredit -1,9%.

Positiva Intesa Sanpaolo +0,4% con i vertici della banca confermati e 4 nuovi innesti nel cda, Mps +0,2%, con Fineco e Mediobanca in rialzo dell’1%.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura