Mar 21 Maggio 2019 — 07:44

Borsa: Milano chiude in rosso (Ftse Mib -1%). Vendite su Banco Bpm, Unicredit, Fca



Piazza Affari termina oggi negativa, in linea con il resto d’Europa e Wall Street all’indomani di indicazioni della Bce che hanno alimentato i timori di un rallentamento economico globale. Inoltre i dati sull’occupazione Usa hanno deluso ampiamente le attese

borsa italiana milano ftse mib

La Borsa di Milano termina oggi negativa, in linea con il resto d’Europa e Wall Street all’indomani di indicazioni della Bce che hanno alimentato i timori di un rallentamento economico globale. Inoltre i dati sull’occupazione Usa hanno deluso ampiamente le attese. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -1,03% a 20.484 punti, peggiore del Vecchio Continente per effetto delle vendite sulle banche. Il bilancio della settimana è un -1%.

Sul fronte macro, l’export cinese di febbraio è uscito stamani in calo di oltre il 20%, peggio delle attese, mentre anche gli ordini all’industria tedesca di gennaio sono scesi oltre le aspettative. Bene invece la produzione industriale sia in Francia sia in Italia (+1,7% su mese a gennaio contro +0,1% atteso). Negli Usa sono stati creati a febbraio solo 20mila nuovi posti di lavoro, contro attese per +181mila.

Sul forex, l’euro recupera terreno sopra 1,12 contro il dollaro; il petrolio è in rosso con il Brent a 64 dollari e il Wti a 55 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 243 punti da 240 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,50% da 2,47% (dati Bloomberg).

Borsa: sul Ftse Mib giù banche e Fca, in controtendenza Azimut

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib le vendite si accaniscono sulle banche con Banco Bpm-2,8%, Unicredit -2,5%, Ubi -2,4%, Bper -2,3%, Intesa Sanpaolo -0,7%.

Mps segna -1,6% mentre l’assemblea è stata convocata per l’11 aprile e la banca studia il disimpegno del Tesoro.

Sempre fuori dal Ftse Mib, Popolare di Sondrio negativa -3,6% dopo l’acquisizione di Farbanca per 30 milioni dalla ex Popolare di Vicenza ora in liquidazione.

Sul listino principale si mette in luce Azimut +3,2% con i giudizi positivi degli analisti dopo i conti 2018. Bene anche Banca Generali +1,1% dopo i risultati.

Limita i danni Atlantia -0,37% che beneficia in parte delle possibili cessioni di quote di Autostrade.

Realizzi su Fca -2,6%, in linea con il comparto auto europeo e al di sopra dei minimi di seduta. Giù anche Pirelli-2,4%.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura