Dom 24 Marzo 2019 — 02:47

Borsa: Milano piatta in chiusura (Ftse Mib -0,03%), crolla Telecom



Realizzi anche sulla Juventus e le banche. Fra i migliori Recordati, Campari e Buzzi

borsa italiana milano oggi

La Borsa di Milano termina oggi poco mossa una seduta di cconsolidamento dopo i rialzi di ieri. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,03% a 20.631 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Londra avanza del +0,3% in attesa di un nuovo voto cruciale sulla Brexit. Wall Street procede a sua volta incerta e contrastata.

Sul forex, l’euro recupera terreno appena sotto quota 1,13 contro il dollaro; il petrolio è stabile con il Brent a 66 dollari e il Wti a circa 57 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 248 punti da 250 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,54% da 2,56% (dati Bloomberg).

Borsa: sul Ftse Mib pesano Tim e Juventus

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in evidenza una pattuglia di titoli fra cui Recordati +1,9%, Campari +1,8%, Buzzi +1,7%.

Pesante invece Telecom -5,9% mentre il proxy advisor suggerisce di votare contro la proposta di Vivendi nella prossima assemblea di Tim del 29 marzo, in un clima teso e incerto per l’azienda telefonica.

Giù anche Juventus -2,7% in attesa della partita con l’Atletico Madrid questa sera che potrebbe decretare l’eliminazione della squadra di calcio bianconera dalla Champions League, con relativa perdita di introiti.

Sul fronte delle trimestrali, Tod’s -3,2% dopo conti 2018 per lo più bocciati dagli analisti, Ferragamo -2% in attesa dei risultati.

Mediaset in altalena chiude a -0,7% con previsioni di un utile raddoppiato nel 2018 e del ritorno al dividendo.

Realizzi sulle banche con Banco Bpm in calo di circa il 2%, mentre Unicredit cede mezzo punto percentuale dopo il lancio di un nuovo bond perpetuo, Intesa Sanpaolo -0,1%, fuori dal Ftse Mib Mps -2,7%.

carige news 22-03-2019 — 09:52

Carige: countdown per le offerte. Closing su Creditis, rilancio per Cesare Ponti

Entro il 28 marzo si chiude per la cessione della società di credito al consumo mentre per la metà di aprile sono attese le offerte per l’aggregazione. Intanto primi passi concreti per il rilancio della società di gestione del risparmio con una nuova filiale a Genova

continua la lettura