Mar 21 Maggio 2019 — 07:44

Borsa: Milano chiude positiva (Ftse Mib +0,57%). Vola Juventus, giù Prysmian e Fca



Piazza Affari termina in rialzo sulla scia del resto d’Europa e di Wall Street. Continua la carrellata di trimestrali

borsa italiana ftse mib trading

La Borsa di Milano termina oggi in rialzo, in linea con l’intonazione positiva europea e di Wall Street. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,57% a 20.749 punti.

Sul forex, l’euro è in recupero appena sopra quota 1,13 contro il dollaro; il petrolio è positivo con il Brent a 67 dollari e il Wti a 57 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 249 punti da 248 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,55% da 2,53% (dati Bloomberg). Il Tesoro ha collocato oggi Btp per 7,75 miliardi.

Borsa: a Milano corre Juventus, realizzi su Prysmian

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib balzano come previsto le azioni della Juventus +17,4% dopo il passaggio del turno a sorpresa in Champions League.

Nel mirino dei realizzi invece il titolo Prysmian, in fondo al listino principale con un -3,4%.

Vendite anche su Fca -0,86% dopo il richiamo negli Usa di 862.520 veicoli a benzina non in linea con le regole sulle emissioni.

Bene i petroliferi con Tenaris +3%, Saipem ed Eni sopra il 2%.

Banche miste con Banco Bpm -1%, Mps -0,9%, mentre fra le altre Intesa Sanpaolo avanza di circa lo 0,9%, Unicredit +1,4%.

Fra gli assicurativi, Generali +0,3% con gli analisti che si attendono un 2018 con utili e dividendo in crescita.

In spolvero Ferragamo +7% con i conti 2018 apprezzati dagli analisti.

Sempre in tema di trimestrali, non convince la scelta di Mediaset di rinunciare al dividendo. Il titolo cede l’1,2% in una seduta incerta.

Fra gli altri casi di giornata, Telecom +0,65% tenta un rimbalzo dopo lo scivolone di ieri (-6%), mentre anche il proxy Frontis boccia la proposta di Vivendi per l’assemblea.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura