Gio 21 Novembre 2019 — 02:57

Borsa: Milano chiude positiva (Ftse Mib +0,2%). Svetta Stm, giù Unicredit e Mps



Piazza Affari termina oggi in rialzo, in una giornata europea contrastata, mentre Wall Street scambia sopra la parità all’indomani dell’indicazione della Fed che non ci saranno altri rialzi dei tassi nel 2019

Borsa milano

La Borsa di Milano chiude oggi positiva, in una giornata europea contrastata, mentre Wall Street scambia sopra la parità all’indomani dell’indicazione della Fed che non ci saranno altri rialzi dei tassi nel 2019. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,20% a 21.373 punti, riprendendo così la sua avanzata dopo la pausa di ieri.

Sul forex, l’euro cede terreno sotto 1,1350 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 68 dollari e il Wti appena sotto i 60 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 241 punti da 245 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,46% da 2,52% (dati Bloomberg).

Borsa: sul Ftse Mib bene Stm, Tenaris, Poste

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib svetta oggi Stm con un rialzo del 4,4% in scia alla rivale americana Micron, ma anche dei rialzi di Apple. Bene tra i petrolieri Tenaris +1,95%.

Deboli invece le banche fra cui Unicredit -1,7%, peggiore del Ftse Mib, Ubi -1,2%, Bper -0,9%, Intesa Sanpaolo e Banco Bpm -0,7%, fuori dal Ftse Mib vendute le azioni Mps -2,5% in scia come anticipato ieri al boom delle cause legali per la banca controllata dal Tesoro.

Prosegue il buon momento di Poste Italiane +2,35% dopo i conti e l’outlook sopra le attese e il conseguente report positivo oggi di Kepler Cheuvreux che ha alzato il target price sul gruppo dei recapiti.

Nell’auto in cauto recupero Fca +0,4%, con Ferrari a +0,5% e la casa madre Exor a +0,7%.

Fra le utilities Enel +0,65% in attesa dei conti, con gli analisti che vedono utili 2018 e dividendo in crescita.

Telecom +1,4% mentre secondo rumors di stampa il gruppo potrebbe cede Tim Brasil e una quota di Inwit per abbattere il debito e onorare in questo modo i target del nuovo piano.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura