Lun 20 Maggio 2019 — 03:33

Borsa: Milano chiude piatta. In luce Fca, Campari, Azimut, Stm



Seduta di consolidamento con Europa e Wall Street. Il bilancio della settimana è un +2,4%

Borsa news milano ftse mib

La Borsa di Milano chiude oggi appena sotto la parità dopo cinque sedute positive di fila, limitando i danni rispetto al resto d’Europa, mentre anche Wall Street scambia negativa consolidando i guadagni dei giorni scorsi.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,06% a 19.290 punti. Il bilancio della settimana è un +2,43%.

Sul forex, l’euro cede terreno sotto quota 1,15 contro il dollaro; il petrolio frena con il Brent a 60 dollari e il Wti a 51 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 261 da 263 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,85% da 2,88% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in evidenza Fca +2,5%, ripartita nel pomeriggio dopo una prima parte della seduta incolore approfittando del rialzo delle stime della rivale Gm.

Bene oggi anche Campari +2,3%, Azimut +1,6%, Stm +1,1%.

In luce gli assicurativi nuovamente con Unipol +0,9%, Unipolsai +0,6%, Generali +0,8%, Cattolica a +1,8% dopo che Warren Buffett ha acquisito lo status di socio della compagnia veronese.

Realizzi invece sulle banche con Banco Bpm e Ubi pesanti a -3%, Intesa Sanpaolo -0,5%, Mps -1,3% fra le altre, in controtendenza Unicredit +0,8%.

Frena ma resta positiva Saipem +0,8% che beneficia della promozione di Jp Morgan da neutral a overweight, sulle aspettative di un 2019 positivo.

I giudizi aggiornati degli analisti sul comparto auto pesano invece su Brembo -3,9% bocciata da Kepler Cheuvreux mentre Pirelli +1% si è vista alzare la raccomandazione da Ubs.

I broker oggi sono inoltre tornati a rivedere le loro valutazioni sul lusso con Ferragamo -0,8% nel mirino di Credit Suisse, mentre Jefferies ha abbassato il prezzo obiettivo su Moncler -1,2%, Cucinelli -1,2%, Tod’s +0,5%.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura