Mer 17 Luglio 2019 — 21:44

Borsa: Milano chiude piatta. In luce Fca, Campari, Azimut, Stm



Seduta di consolidamento con Europa e Wall Street. Il bilancio della settimana è un +2,4%

Borsa news milano ftse mib

La Borsa di Milano chiude oggi appena sotto la parità dopo cinque sedute positive di fila, limitando i danni rispetto al resto d’Europa, mentre anche Wall Street scambia negativa consolidando i guadagni dei giorni scorsi.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -0,06% a 19.290 punti. Il bilancio della settimana è un +2,43%.

Sul forex, l’euro cede terreno sotto quota 1,15 contro il dollaro; il petrolio frena con il Brent a 60 dollari e il Wti a 51 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 261 da 263 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,85% da 2,88% (dati Bloomberg).

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib si mette in evidenza Fca +2,5%, ripartita nel pomeriggio dopo una prima parte della seduta incolore approfittando del rialzo delle stime della rivale Gm.

Bene oggi anche Campari +2,3%, Azimut +1,6%, Stm +1,1%.

In luce gli assicurativi nuovamente con Unipol +0,9%, Unipolsai +0,6%, Generali +0,8%, Cattolica a +1,8% dopo che Warren Buffett ha acquisito lo status di socio della compagnia veronese.

Realizzi invece sulle banche con Banco Bpm e Ubi pesanti a -3%, Intesa Sanpaolo -0,5%, Mps -1,3% fra le altre, in controtendenza Unicredit +0,8%.

Frena ma resta positiva Saipem +0,8% che beneficia della promozione di Jp Morgan da neutral a overweight, sulle aspettative di un 2019 positivo.

I giudizi aggiornati degli analisti sul comparto auto pesano invece su Brembo -3,9% bocciata da Kepler Cheuvreux mentre Pirelli +1% si è vista alzare la raccomandazione da Ubs.

I broker oggi sono inoltre tornati a rivedere le loro valutazioni sul lusso con Ferragamo -0,8% nel mirino di Credit Suisse, mentre Jefferies ha abbassato il prezzo obiettivo su Moncler -1,2%, Cucinelli -1,2%, Tod’s +0,5%.

carige news piano 17-07-2019 — 10:09

Carige, arriva nuovo piano: utile nel 2022, banca più leggera

Prevista una forte riduzione dei crediti deteriorati, al punto che l’Npe ratio lordo crollerebbe sotto il 5%

continua la lettura