Mar 25 Giugno 2019 — 22:32

Borsa: Milano chiude in rosso (Ftse Mib -1,38%). Pesano Unicredit, Ubi, Banco Bpm



Piazza Affari termina oggi la seduta in ribasso, anche se la settimana va in archivio con il segno positivo

Borsa italiana ftse mib news

La Borsa di Milano chiude la seduta in rosso, anche se la settimana va in archivio con il segno positivo. A innescare le vendite oggi sono stati gli indici Pmi europei deludenti, che hanno evidenziato una frenata dell’economia più marcata del previsto soprattutto in Germania e Francia. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -1,38% a 21.078 punti. Il bilancio dell’ottava è un +0,16%.

Sul forex, l’euro cede terreno sotto 1,13 contro il dollaro; il petrolio è debole con il Brent a 66 dollari e il Wti sotto a 58 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 246 punti da 241 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,44% da 2,45% (dati Bloomberg). Da segnalare che il rendimento del decennale tedesco è sceso oggi sotto zero per la prima volta dal 2016.

Borsa: sul Ftse Mib giù le banche

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib i realizzi prendono di mira soprattutto le banche con Unicredit, Banco Bpm e Ubi in calo di oltre il 4%. Mps -2%, giù anche Intesa Sanpaolo che peraltro ha fatto ritorno nel capitale di Camfin. Le azioni cedono il 2,6%.

In fondo al Ftse Mib Saipem -5% dopo il taglio da parte di Hsbc a hold.

Svetta per contro Tenaris +2,7% dopo l’annuncio dell’acquisizione dell’americana Ipsco Tubulars per un valore di 1,209 miliardi di dollari.

Telecom -0,8% limita i danni con le indiscrezioni su un’apertura di Vivendi e Elliott a un accordo sulla govenrance.

Enel +1% dopo i conti e il dividendo giudicati dagli analisti in linea con le aspettative.

milano cortina 2026 olimpiadi 25-06-2019 — 12:33

Olimpiadi Milano-Cortina: in Borsa festeggiano Buzzi, Risanamento, Salini Impregilo, Astaldi

Occhi puntati sugli investimenti nelle infrastrutture, comprese strade e villaggio olimpico. Anche due banche potrebbero beneficiarne

continua la lettura