Lun 20 Maggio 2019 — 03:33

Borsa: Milano chiude in rialzo (Ftse Mib +0,62%). Svetta Leonardo, giù Diasorin



Piazza Affari termina oggi in rialzo, trainata da un bel recupero di Leonardo dopo i conti 2018, e dalle banche

Borsa italiana news Finanza Report

La Borsa di Milano termina oggi in rialzo, trainata da un bel recupero di Leonardo dopo i conti 2018 e dalle banche. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,62% a 20.877 punti, in linea con gli altri listini europei e l’intonazione positiva di Wall Street.

Sul forex, l’euro è debole intorno a quota 1,13 contro il dollaro; il petrolio è poco mosso con il Brent a 67 dollari e il Wti a 58 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 242 punti da 248 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,50% da 2,54% (dati Bloomberg).

Borsa: sul Ftse Mib maxi recupero di Leonardo, bene le banche

Tornando agli indici di Borsa, in cima al Ftse Mib si rivedono dopo lungo tempo le azioni Leonardo, +13,2% a 9,77 euro dopo conti 2018 e guidance apprezzate dagli analisti, con Kepler Cheuvreux che alza la raccomandazione a buy con un nuovo prezzo obiettivo.

Giù invece Diasorin -1%, nonostante i risultati che hanno evidenziato nel 2018 utili in crescita del 13%, mentre i ricavi sono saliti del 5%. Realizzi anche su A2a -1,06%.

Sempre in tema di trimestrali, Generali +1,2% positiva dopo conti 2018 e rialzo del dividendo in linea con attese.

Focus anche su Telecom +1,6% nel giorno di un cda straordinario di Tim sui problemi di governance, mentre non si esclude un accordo fra i soci eterni litiganti Vivendi ed Elliott.

Bene le banche grazie al calo dello spread e all’imminente rinnovo delle garanzie pubbliche sugli npl (Gacs). Svetta nel comparto Banco Bpm +4,4%, bene anche Bper attorno a +2%, Ubi, Mps, e Unicredit +1%, Intesa Sanpaolo +0,7%.

Creval +0,7% ma al di sotto dei massimi di seduta dopo il miglioramento del rating da parte di Dbrs.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura