Gio 21 Novembre 2019 — 02:57

Borsa: Milano chiude in rialzo (Ftse Mib +1,1%). Bene Unicredit, giù Tim e Prysmian



Piazza Affari termina ancora positiva approfittando dell’intonazione positiva europea e di Wall Street

Borsa milano

La Borsa di Milano chiude anche oggi in buon rialzo, approfittando dell’intonazione positiva europea e di Wall Street. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +1,10% a 21.520 punti, proseguendo così i guadagni messi a segno nella scorsa ottava (+1%). A spingere i listini sono le indicazioni positive provenienti dal manifatturiero cinese, anche se i Pmi europei di settore hanno invece confermato il rallentamento in atto.

Sul forex, l’euro è debole in area 1,1210 contro il dollaro; il petrolio avanza con il Brent a 68 dollari e il Wti a 61 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 253 da 255 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,50% da 2,48% (dati Bloomberg).

Borsa: sul Ftse Mib brillano Unicredit, Ubi, Stm

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib svetta in chiusura Unicredit con Goldman Sachs ha inserito il titolo bancario nella sua conviction buy list, ipotizzando anche la cessione di quote della turca Yapi Kredi: il titolo balza del 4,3%.

Fra le altre banche, bene Ubi +3,65% e Banco Bpm +3%, Intesa Sanpaolo +1,6%, Mps +1,5%, fra le altre.

Acquisti su Stm, che prosegue il suo recupero dopo le vendite seguite al profit warning della rivale tedesca Infineon. Le azioni del gruppo dei semiconduttori avanzano di circa il 4%.

Bene Saipem +2,3% che beneficia delle voci sulla cessione delle attività di drilling, valutate circa 1,9 miliardi. In buon rialzo anche Tenaris +2,7%.

Denaro su Fca +2,4% sulle voci di una partnership con Psa, a quanto pare sull’auto elettrica, e in attesa delle immatricolazioni italiane di marzo.

Vendite invece su Telecom -1,7% peggiore del listino principale, giù anche Prysmian -1% bocciata da Goldman Sachs che ha tagliato la raccomandazione a neutral.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura