Lun 22 Aprile 2019 — 13:00

Borsa: Milano chiude in forte calo. Giù Fca, banche piegate dallo spread



Piazza Affari termina negativa una seduta segnata soprattutto dal taglio delle stime Ue sulla crescita italiana

News di Borsa italiana

La Borsa di Milano chiude oggi in deciso calo una seduta segnata in parte dalle trimestrali, ma soprattutto da fattori macro.

Il drastico taglio delle previsioni di crescita italiana da parte della Commissione europea (da +1,2% a +0,2% sul 2019) fa temere infatti non solo per il futuro andamento dell’economia tricolore, ma anche per un nuovo braccio di ferro tra governo e Ue sui conti pubblici.

Ne risentono l’azionario e lo spread.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura -2,59% a 19.478 punti, in una seduta comunque diffusamente negativa anche nel resto d’Europa (Francoforte la peggiore -2,67% Parigi -1,84%, Londra -1,1%).

Sul forex, l’euro è poco mosso in area 1,1350 contro il dollaro; il petrolio cede terreno con il Brent a 61 dollari e il Wti a 52 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund segna 283 da 269,50 punti base della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano al 2,94% dal 2,85% (dati Bloomberg).

Borsa: a Milano crolla Fca, fra le banche regge Banco Bpm

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib le vendite prendono di mira Fca -12,2% dopo i conti 2018 con il mercato particolarmente deluso dalla guidance.

Male anche la controllante Exor -4,7%, e la stessa Ferrari che cede il 2,5% dopo il taglio della raccomandazione da parte di Banca Imi.

In controtendenza nella galassia Agnelli Cnh Industrial +1,2% dopo i risultati dell’esercizio 2018.

In cima al listino principale si difende Diasorin +1,37%.

Vendite sulle azioni Saipem -6%, Prysmian -5,8%, Pirelli -4%, Amplifon a sua volta -4% dopo che Kepler Cheuvreux ha tagliato la raccomandazione sul titolo da buy a hold e il target price da 18 a 17,70 euro.

Le trimestrali sostengono solo in parte le banche con Unicredit -1,9% nonostante risultati migliori delle attese.

Bene Banco Bpm +0,8% grazie ai progressi nella qualità del credito apprezzati dagli analisti.

I conti semestrali migliori delle aspettative aiutano Mediobanca -0,3% a contenere i danni.

In rosso Mps -1,45% che torna all’utile ma vede una frenata dei ricavi nel 2018.

Realizzi inoltre su Intesa Sanpaolo -2,7%, Ubi -1,3%.

Bper -1% mentre il cda approverà oggi l’acquisizione di Unipol Banca. Riunito anche il cda di Unipol che intanto segna -2,4%.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura