Gio 20 Giugno 2019 — 22:09

Borsa: Milano chiude in rialzo (Ftse Mib +0,24%). Svetta Tenaris con Stm e Saipem, debole Unicredit



Piazza Affari manda in archivio un’altra settimana positiva, bene anche lo spread

Borsa italiana ftse mib news

La Borsa di Milano chiude oggi in cauto rialzo e manda in archivio un’altra settimana decisamente positiva. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,24% a 21.758 punti, in linea con il resto d’Europa e l’intonazione positiva di Wall Street. Il bilancio della settimana è un +2,2%.

Sul forex, l’euro scambia poco mosso in area 1,1220 contro il dollaro; il petrolio è positivo con il Brent a 69 dollari e il Wti a 62 dollari al barile.

Lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 248 punti da 252 punti base della chiusura precedente, con un rendimento del decennale al 2,48% da 2,51% (dati Bloomberg).

Borsa: sul Ftse Mib bene Tenaris, Saipem e ancora Stm, focus su Unicredit

Tornando agli indici di Borsa, sul Ftse Mib brilla oggi Saipem +2,87% con nuovi contratti, mentre Jp Morgan e Morgan Stanley hanno alzato il target price. Bene tra i petroliferi anche Tenaris +3% maglia rosa del listino principale.

Corre Stm +2,91% sui massimi dell’anno.

Occhi sempre puntati su Unicredit -0,7%, ancora negativa sui rumors di una possibile combinazione con Commerzbank, che potrebbe prevedere un aumento di capitale fino a 4 miliardi.

Nel resto del comparto bancario, debole anche Ubi a -0,6%, con Banco Bpm e Intesa Sanpaolo poco mosse, Mps +0,5% fra le altre.

Telecom -0,3% mentre il presidente Conti smentisce un suo passaggio da Tim a Open Fiber.

In fondo al listino principale nuove vendite su A2a -1,7%.

Da segnalare il caso Salini Impregilo, con il titolo che festeggia dopo un mega contratto in Australia concedendosi un rimbalzo di circa il 10%.

fca news mirafiori 20-06-2019 — 10:39

Fca: trovato accordo tra Renault e Nissan? Nomura sulle azioni è neutral

Nissan potrebbe varare un nuovo consiglio di amministrazione, che secondo i dirigenti della Renault potrebbe consentire di rilanciare la possibile fusione con Fca

continua la lettura