Mar 07 Luglio 2020 — 13:52

Borsa: Milano centra un bel rimbalzo con Fca, Buzzi



Piazza Affari in recupero dopo la prudenza dei giorni scorsi legata alle incognite del coronavirus

borsa milano

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana mette a segno un deciso rimbalzo dopo la prudenza dei giorni scorsi legata alle incognite del coronavirus. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +1,86% a 19.841 punti, in linea con il resto d’Europa, mentre Wall Street tratta a sua volta positiva con rialzi nell’ordine di 1 punto percentuale.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 166 punti da 172 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 1,25%.

Sul forex, l’euro guadagna terreno portandosi sopra 1,13 contro il dollaro; il petrolio avanza con il Brent a 43 dollari e il Wti a 40 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: rally per Fca, Buzzi

Sulla Borsa di Milano tornano gli acquisti su Fiat Chrysler (Fca) al centro di ricoperture assieme al comparto auto europeo: il titolo segna un +5,8% finale.

Nuovi rialzi per le azioni Interpump che guadagnano un altro +1,9% all’indomani del debutto sul Ftse Mib.

Campari +1,9% dopo la revoca dell’assemblea straordinaria e il via libera di fatto al trasferimento della sede legale in Olanda.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di SocGen hanno avviato la copertura su Buzzi Unicem (+3,2%) con rating buy e target price di 24 euro.

Jefferies ha tagliato il giudizio su Moncler (+0 9%) da buy a hold limando il target da 38 a 36 euro.

Goldman Sachs ha alzato il prezzo obiettivo su Enel (+2,8%) da 8,20 a 8,95 euro, confermando l’inserimento in Conviction Buy List.

Fra i petroliferi Eni +1%, Saipem e Tenaris in progresso di circa il 2%.

Fra le banche, Intesa Sanpaolo +1,7%, Unicredit +2,3%, Ubi +2,9%, in spolvero Mps +7,4%.

eni rettifiche 07-07-2020 — 11:59

Eni, la Borsa snobba le maxi rettifiche Covid

Al momento il gruppo guidato da Claudio Descalzi per effetto del nuovo scenario prezzi stima rettifiche per circa 3,5 miliardi post-tasse

continua la lettura