Mer 27 Ottobre 2021 — 18:56

Borsa Milano chiude in rosso: Ftse Mib -0,98%, bene Moncler



Seduta volatile in attesa del meeting della Fed in calendario la prossima settimana

borsa italiana oggi

La Borsa italiana chiude in rosso, dopo un’accelerazione al ribasso nella seconda parte della seduta, e mandare in archivio la settimana con un bilancio marginalmente positivo (+0,1%). Il focus del mercato è puntato sulla riunione della Fed in calendario la prossima settimana. “Nonostante un notevole abbassamento delle nostre stime di crescita del Pil reale dalla riunione di luglio – ora per il terzo trimestre ci aspettiamo una crescita del Pil reale del 3% trimestre su trimestre contro il 6,5% originariamente previsto – è probabile che il Fomc riaffermi le sue aspettative di iniziare a ridurre il ritmo mensile di acquisti di asset più avanti nel corso dell’anno”, si legge in una Fed Preview a cura di Pimco. “Questa riconferma arriverà probabilmente sotto forma del cosiddetto ‘preavviso’ che il presidente Powell ha promesso da quando il comitato ha annunciato la forward guidance per gli acquisti di asset lo scorso gennaio”. Sulla Borsa italiana oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,98% a 25.709 punti, in linea con il resto d’Europa e l’andamento debole di Wall Street.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 100 da 101 punti base della chiusura precedente, mentre il rendimento del titolo italiano si attesta a 0,72%.

Sul forex, l’euro si indebolisce ulteriormente a 1,1730 contro il dollaro; il petrolio cede terreno a 75 dollari e il Wti a circa 72 dollari al barile.

Borsa: Ftse Mib in rosso, bene Moncler

Sul Ftse Mib gli acquisti prendono di mira Moncler, oggetto di ricoperture (+2,5%) dopo la debolezza delle recenti sedute e in vista anche della presentazione delle nuove collezioni la prossima settimana.

La maglia rosa va però alle azioni Atlantia +3%.

Prese di beneficio invece sul Stellantis -3,4% di nuovo sotto 17 euro.

Fra le banche, in una giornata negativa per il comparto, prova a contenere i danni Unicredit (-0,5%) che ha aperto il capitolo esuberi nei preparativi per la potenziale acquisizione di Mps, quest’ultima a -0,9%.

Fra le diverse raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Jp Morgan hanno promosso Eni (-0,7%) da underweight a overweight e alzato il prezzo obiettivo da 12 a 15 euro.

Barclays ha avviato la copertura su Recordati (-2,4%) con un giudizio equal-weight e un target price di 50 euro.

Exane Bnp Paribas ha tagliato il giudizio su Ferrari (-1,7%) da outperform a neutral.

Dz Bank ha ridotto il target su Enel (-0,6%) da 9,10 a 8,40 euro confermando il buy.

Berenberg ha alzato il prezzo su The Italian Sea Group (+3,4%) da 7 a 8 euro confermando il rating buy.

mediobanca trimestrale 27-10-2021 — 02:22

Mediobanca: trimestrale batte attese, no comment di Nagel su battaglia Generali

Commissioni record. Anche l’outlook è positivo, confermata la politica dei dividendi

continua la lettura