Gio 26 Novembre 2020 — 16:39

Borsa Milano: bene Nexi, Fineco, Campari, sprofonda Saipem



Piazza Affari in calo per la sesta seduta di fila, una scia negativa che si spiega con la rinnovata cautela sull’impatto del coronavirus. Questa sera si attendono le indicazioni della Fed

borsa italiana oggi

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – La Borsa italiana termina in calo per la sesta seduta di fila, una scia negativa che si spiega con la rinnovata cautela sull’impatto del coronavirus. Questa sera si attendono fra l’altro le indicazioni della Fed. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura -0,11% a 19.880 punti, con il resto d’Europa in ordine sparso, mentre Wall Street procede in buon rialzo.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 149 punti da 151 punti della seduta precedente, con il rendimento del titolo italiano a 0,99%.

Sul forex, l’euro avanza a 1,1770 contro il dollaro; il petrolio recupera terreno con il Brent sopra 43 dollari e il Wti a 41 dollari al barile.

Borsa Milano, oggi in evidenza finanziari e Campari

Sulla Borsa di Milano, acquisti su alcuni titoli finanziari con Nexi a +1,7%, Fineco +0,95%.

La maglia rosa va però alle azioni Amplifon +5,6%, premiata dagli acquisti dopo i conti, così come Hera +2,5%.

Fra le banche Intesa Sanpaolo +0,2% dopo il successo dell’offerta già oltre il 70% del capitale di Ubi Banca (poco mossa) destinata pertanto alla futura fusione.

Fra le altre banche Unicredit -2,8% mentre l’istituto si è adeguato per primo alla nuova raccomandazione Bce che prolunga lo stop a dividendi e buyback fino a gennaio, pur confermando che la remunerazione sarà alzata dal 40% al 50% nel 2021, come indicato a febbraio scorso.

Fra i petroliferi, Saipem sprofonda -9,8% dopo la semestrale peggiore delle attese, Eni -0,8%, Tenaris -4,8%.

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Mediobanca hanno promosso Campari (+2%) da underperform a neutral dopo i conti, con un prezzo obiettivo di 8 euro; Berenberg ha alzato il target price da 8,70 a 9,50 euro confermando il rating buy; Kepler Cheuvreux ha migliorato il target da 6,40 a 8,50 euro confermando il giudizio hold; Credit Suisse alza da 6,20 a 7,60 euro con raccomandazione underperform; per Citigroup il target sul titolo passa da 7 a 7,40 euro ma resta il rating sell.

Morgan Stanley lima il target price su Salvatore Ferragamo (+2%) da 13,50 a a 12,50 euro dopo la semestrale, confermando il giudizio equal-weight; da parte sua Goldman Sachs abbassa l’obiettivo di prezzo da 11,60 a 11,30 euro confermando il neutral.

Fra le utilities rimbalza Enel +0,95% in attesa dei conti semestrali che saranno diffusi a mercato chiuso.

Creval petrus 26-11-2020 — 03:14

Creval, il socio Petrus boccia l’opa del Crédit Agricole e chiede 14 euro

Per il fondo azionista del Credito Valtellinese, che scrive una lettera ai vertici, l’offerta dei francesi “ignora il fair value” della banca

continua la lettura