Mer 29 Gennaio 2020 — 14:03

Borsa: Milano ancora positiva. In luce Stm, finanziari e Amplifon



Piazza Affari nuovamente in rialzo sulle attese di una soluzione diplomatica alla crisi tra Usa e Iran. Bene anche lo spread

Borsa milano

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Piazza Affari termina ancora positiva sulle attese di una soluzione diplomatica alla crisi tra Usa e Iran, mentre l’allentamento della tensione in Medio Oriente penalizza greggio e petroliferi. Bene lo spread. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +0,77% a 24.016 punti, in linea con il resto d’Europa e l’andamento di Wall Street, in vena di nuovi record.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 156 da 162 punti base della chiusura precedente, mentre il rendimento del titolo italiano è all’1,37%.

Sul forex, l’euro è debole sotto quota 1,11 contro il dollaro; il petrolio cede terreno con il Brent a 65 dollari e il Wti a 59 dollari al barile.

Borsa Milano oggi: sul Ftse Mib bene Banco Bpm e Azimut, giù Saipem

Tornando alla Borsa italiana, sul Ftse Mib si mette in luce Stm +2,4% dopo le indicazioni positive degli analisti: infatti Jp Morgan ha alzato il target price sul titolo da 22 a 30 euro, confermando la raccomandazione overweight, e Bofa da 21,70 a 29,30 euro con raccomandazione buy.

Proseguono gli acquisti sui finanziari con Nexi +1,6%, nel risparmio gestito sugli scudi Banca Generali +3,3% e Fineco +3,7%, svetta Azimut +4,9% che prevede di chiudere il 2019 con un utile netto record fra i 360 e 370 milioni, sopra attese.

Bene Amplifon che si espande in Australia, mentre Kepler Cheuvreux alza il prezzo obiettivo da 22 a 24,10 euro confermando il rating hold. Le azioni segnano +2,5%.

Fra le banche: Unicredit +1,8%, Intesa Sanpaolo +1,5%, Banco Bpm +5,4% maglia rosa del listino principale mentre secondo indiscrezioni l’ex Mps e Cdp Massimo Tononi potrebbe essere il prossimo presidente della banca dopo l’uscita di Fratta Pasini.

Fuori dal Ftse Mib in evidenza Creval +2,1%, Mps +1,5%, fra le altre.

Fra gli altri titoli, positiva Fca +0,3%, così come Atlantia, mentre Telecom cede 1 punto percentuale.

I realizzi prendono di mira però soprattutto Saipem -2,2%, con Eni a -0,4%, Tenaris a -0,2% fra gli altri petroliferi.

Unicredit trimestre 29-01-2020 — 12:23

Unicredit: trimestre atteso in rosso, focus su dividendo

Il dividendo viene stimato a 0,63 euro, pù che raddoppiato (+133%) dalla cedola di 0,27 euro distribuita a valere sul 2018. Da segnalare che su un panel di 18 broker che forniscono una raccomandazione sulla banca guidata da Jean Pierre Mustier, il 100% dice buy

continua la lettura