Gio 21 Novembre 2019 — 02:56

Borsa italiana: un’altra chiusura in rialzo. In vetta Saipem e Tenaris con petrolio



Focus sui titoli petroliferi, dopo che un drone Usa è stato abbattuto questa mattina da un missile terra-aria in cieli internazionali sopra lo Stretto di Hormuz (Iran). Prese di beneficio invece sulle banche

borsa italiana oggi milano ftse mib

La Borsa italiana chiude oggi nuovamente in buon rialzo, all’indomani delle indicazioni della Fed che ha aperto a un prossimo taglio dei tassi Usa. Fra i protagonisti i titoli petroliferi, dopo che un drone Usa è stato abbattuto questa mattina da un missile terra-aria in cieli internazionali sopra lo Stretto di Hormuz. Il presidente Trump accusa l’Iran. Prese di beneficio invece sulle banche. A Piazza Affari il Ftse Mib segna in chiusura +0,66% a 21.361 punti, maglia rosa in Europa. Bene anche Wall Street. Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni sconta realizzi e risale sopra 240 punti.

Sul forex, l’euro è in recupero poco sotto quota 1,13 contro il dollaro; il petrolio vola dopo l’incidente nel Golfo con il Brent a 64 dollari e il Wti a 56 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: sul Ftse Mib in evidenza Saipem, Tenaris, Stm

Tornando agli indici di Borsa, a Milano i petroliferi cavalcano il balzo del greggio con Saipem +3,2%, Tenaris +2,7%, Eni +1%.

Continua il rimbalzo di Stm, che segna un progresso finale del +2,5% circa.

Fca +1,2% su un possibile accordo tra Nissan e Renault che riaprirebbe la strada a una fusione, mentre Nomura riavvia la copertura con raccomandazione neutral.

Debole Generali -0,6% dopo il taglio del rating e del target di prezzo da parte di Jp Morgan.

Telecom +1,85% mentre Vivendi e fondo Elliott trattano per un rimpasto in cda di Tim.

Banche miste con prese di profitto su Ubi -1,6% ma anche Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Unicredit in calo di meno di 1 punto percentuale, continua invece il rimbalzo di Mps +0,8%.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura