Mar 10 Dicembre 2019 — 15:34

Borsa italiana: positiva senza strappi dopo Bce. Bene Amplifon, Enel



Ondata di acquisti sui Btp, cala lo spread: premiate le utilities e in parte le banche

Borsa milano

(Articolo aggiornato dopo la chiusura di Borsa) – Piazza Affari termina positiva, ma senza strappi dopo una storica riunione della Bce che ha tagliato il tasso sui depositi e avviato un nuovo ciclo del Qe. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +0,88% a 22.083 punti, comunque migliore d’Europa e con Wall Street a sua volta positiva.

Sull’obbligazionario, lo spread Btp/Bund a 10 anni segna 138 punti base da 153 punti della chiusura precedente, con il rendimento del decennale italiano allo 0,86% dopo un minimo storico a 0,77%.

Sul forex, l’euro volatile scende e poi rimbalza sopra quota 1,10 contro il dollaro; il petrolio consolida con il Brent a 59 dollari e il Wti a 54 dollari al barile.

Borsa italiana oggi: bene Pirelli, Amplifon, Enel

Tornando agli indici di Borsa, a Milano sul Ftse Mib si mettono in luce le utilities con Enel a +2,65%, seguita a ruota da Terna, Sbam e Italgas. Il settore beneficia dell’ulteriore discesa dei tassi, che rende più attraente il rendimento offerto solitamente da questi titoli difensivi.

Bene Amplifon che mette a segno un recupero di oltre il 3%.

Positive le banche, colpite potenzialmente dal taglio del tasso sui depositi, anche se la Bce ha introdotto misure per mitigarne gli effetti. Fra le big, Intesa Sanpaolo +0 7%, Unicredit e Banco Bpm +2%, fuori dall’indice principale le azioni Mps segnano +0,6%.

Nell’auto in evidenza Pirelli +3,75%, maglia rosa del Ftse Mib, Fca +1,3%, Ferrari +0,25%.

In fondo al listino i realizzi prendono di mira Atlantia in calo di oltre l’1%, così come Ferragamo e Prysmian.

Misti i petroliferi, con Eni -1,2%, Saipem +0,1%, Tenaris -1,4%.

deutsche bank italia 10-12-2019 — 12:19

Deutsche Bank, la Bce lima i requisiti patrimoniali. Avanti con il piano

Intanto nel corso di un Investor Day la banca ha ribadito gli obiettivi di taglio dei costi, confermato anche il target di redditività ma pesano i tassi d’interesse

continua la lettura